Tecnologia e moda / Ecco “Commuter”, la giacca che consente anche in movimento di collegarsi con lo smartphone

 La nuova giacca si chiamerà “Commuter” ovvero “pendolare”, in quanto è stata progettata specificatamente per chi si muove spesso in bici e per chi dedica il proprio tempo alla corsa.

Questo è un progetto nel quale si sono impegnati stilisti, sarti della “Levi’s” e ingegneri di “Google”. La loro creazione consentirà di controllare e usare lo smartphone semplicemente toccando la manica della giacca.

Il centro di comando della smart jacket si trova sul polsino della manica sinistra, lì è posizionato il sensore touch che registra i movimenti della mano destra di chi indossa la giacca e, tramite un apposito accessorio bluetooth (simile a un gemello per camicia o a un bottone), ricaricabile via Usb, li invia all’app per smartphone dedicata.

La giacca arriverà nei negozi nel mese di ottobre e costerà 350 dollari (circa 330 euro). Essa sarà caratterizzata da un tessuto conduttivo che trasformerà l’indumento in un dispositivo connesso che darà ordini al cellulare. Le azioni previste sono tre: lo scorrimento dall’alto verso il basso, dal basso verso l’alto e doppio tocco sul polsino. In questo modo si potranno gestire chiamate, messaggi, musica, agenda e Google Maps.

Nonostante l’idea sia nata per i ciclisti e i corridori, questo capo d’abbigliamento si adatta bene a tutti gli sport e a diverse situazioni, come dice Paul Dillinger, responsabile dell’innovazione Levi’s, come ad esempio per quelle persone che in alcuni momenti  hanno necessità  di usare anche solo un attimo il telefono.

Questa è una rivoluzione vera e propria dal punto di vista tecnologico. La giacca è davvero innovativa sia per la sua facilità di utilizzo sia per la sua capacità di diminuire i casi di incidenti, perché basterà un doppio click per poter rispondere mentre si svolgerà qualsiasi attività, quindi viene considerata meno pericolosa di uno smartphone.

Michela Abbascià

Please follow and like us:
Posted by on 23 aprile 2017. Filed under Cronaca,Cultura,In evidenza,Scienze & Tecnologie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
16 ⁄ 8 =