Università / Discusse due tesi singolari e fuori dalle righe… la recita delle “corna”

Il candidato Salvatore Luciano Orazio Fichera, poliedrico attore, presentatore e giornalista acese, è stato proclamato con lode, dal presidente della Commissione di Laurea prof. Vincenzo Perciavalle, dottore in Scienze e Tecniche Psicologiche, discutendo una tesi sperimentale dal titolo “Lo stato biopsicologico dell’attore e aspetti della personalità”.

Salvo ha scelto un argomento originale e poco approfondito dalla letteratura scientifica. Egli è andato ad indagare gli aspetti psicobiologici e comportamentali che spingono un soggetto ad intraprendere la professione dell’attore e di come questi possano condizionare la sua professione; fra l’altro ha indagato se e come stress ed ansia possano influire sulla personalità dell’attore. Hanno preso parte alla ricerca molti attori professionisti e non.

Salvo Fichera

Salvo Fichera

Una collega di Salvo, Stefania Cupperi, discuteva proprio lo stesso giorno una tesi dal titolo “Aspetti psico-biologici dell’infedeltà”. I due colleghi confrontandosi e dialogando hanno deciso di proporre alla Commissione un pezzo inedito scritto dal professore Ettore Spada dal titolo “Cinquanta sfumature di corna”. Il presidente ha accordato la richiesta dei candidati ed ha concesso, alla fine della discussione della dissertazione di laurea, a Salvo di recitare lo scritto.

Coppola in testa e tono siculo e Salvo inizia a recitare: “Si fa presto a dire cornuto. Cornuto può andare bene ovunque in Italia, non a Catania. Il catanese, popolo raffinato ed esigente, pretende di più.

A Catania si può dunque essere cunnuto, cunnuteddu, cunnutazzu; cunnutuni, cunnuto e cuntentu, cunnuto appruvato, cunnutu di azioni, cunnutu vulunteri, cunnuto pacinziusu, cunnuto e mazziatu, cunnuteddu nicu-nicu, gran cunnutu, grandissimu cunnutu, pezzu di cunnutu, gran pezzu di cunnutu. E ancora: cunnutu tu e cu non tu rici, cunnutu tu e cu ti vesti ‘a matina, cunnutu e sbirru, o meglio: cunnutu, sbirru e carrabbineri a cavallu e, senza appello, cunnutu ca non si autru. Nei casi più gravi si può altresì essere: cunnutu chiù di na pignata di vaccareddi.

La cosa può talvolta coinvolgere la famiglia: cunnutu di to opà, ovvero, se la cosa fosse ereditaria, cunnutu tu e to opà, se non addirittura cunnutu di razza e cunnutu tu e tutta a to razza.

A volte sono le circostanze a decidere il nostro destino, ecco quindi che ci sono i cornuti condizionati: cunnutu cu si ni penti, cunnutu cu ci criri, cunnutu cu s’arricacca, cunnutu chi butta la spazzatura (scritta vista su un muro a Picanello, come deterrente alla discarica selvaggia).

C’è pure il caso in cui ci si chiede: ma allura ‘u cunnutu sugnu ju? Ed anche: e chi mi rissi cunnutu? Talvolta senza necessariamente averne la vocazione si può addivintari ‘n cunnutu.

Chi fosse incline all’autolesionismo potrebbe anche decidere di sirrarisi ‘nconnu (in tal modo, per ogni evenienza, ne rimarrebbe comunque uno integro).

Da non dimenticare chi è costantemente a rischio corna per via della professione, uno per tutti: abbittru cunnutu.

Talvolta viene addirittura notato con stupore ed incredulità che ad uno particolarmente sveglio, ci mancunu i conna, come se fosse obbligatorio averle, le corna.

A chi invece le ha particolarmente sviluppate può capitare ca ci ‘mpinciunu i conna, mentre sembra che le simpatiche appendici non siano esenti da fastidiose infiammazioni se è vero che a qualcuno ci manciunu i conna.
A sottolineare la palese ossessione del popolo catanese sull’argomento corna, la tradizione ci ha tramandato in materia una serie di buoni consigli e detti proverbiali.

Cominciamo dai buoni consigli:

Fatti fari i conna, o per chi volesse essere più specifico e precisino, fatti fari i conna a Jaci; dato però che ad ogni consiglio spesso ne corrisponde uno diametralmente opposto, non mancherà chi affettuosamente ti consiglierà: fatti rumpiri i conna, o chi addirittura si offrirà personalmente per erogare il servizio: ti rumpu i conna.

Finiamo con i detti proverbiali:

Megghiu cunnutu ca fissa; ‘u voi ci rissi cunnutu o sceccu; fatti cunnutu ca ‘a pacenzia ti veni; pi ‘n cunnutu ci voli ‘n cunnutu e menzu; ‘u cunnutu o so paisi, ‘u fissa unni va; cu nasci gilusu mori cunnutu; cu campa pava e cu mori è cunnutu; megghiu mottu ca cunnutu.”

Possiamo quindi concludere con una piccola riflessione, le “corna” possono avere molte interpretazioni… forse l’unica vera realtà è: saperci ridere sopra e, non prendersi troppo sul serio!!!

Marinella Coco

 

Please follow and like us:
Posted by on 25 luglio 2015. Filed under Catania,Cronaca,Cultura,In evidenza,Scuola. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 ⁄ 20 =