Valverde / Nello spettacolo finale dell’oratorio estivo si parla di Gesù ai ragazzi anche attraverso i social

Spettacolo finale dell’oratorio estivo 2018 del Santuario S. Maria di Valverde. Ieri, bambini e ragazzi dai 5 ai 15 anni, si sono esibiti di fronte ai loro genitori, parenti ed amici nel chiostro del Santuario, per far conoscere loro il lavoro, l’impegno e le energie impiegate dal 12 giugno, data d’ inizio dell’oratorio, che terminerà domani, venerdì 27 luglio.
Tema di quest’anno “Che bella notizia”; tra le attività svolte, laboratori di cucina, di musica, corsi di lingua, cinema, ballo, tornei di calcio a 5, pallavolo e piscina.
A presentare lo spettacolo, iniziato con una video proiezione che ha visto i volti dei protagonisti, Salvo Li Pira del gruppo giovani del Santuario.
“C’è differenza tra il grest e l’oratorio – ha detto Li Pira ai presenti. L’oratorio inserisce anche alcune parabole della vita di Gesù e questo per il percorso di crescita dei piccoli è importante”. E’ intervenuto poi anche padre Leandro che ha precisato quanto sia importante spiegare la parola di Dio ai ragazzi. “La bella notizia – ha detto – è che Dio ci ama e ha dato la Sua vita per noi. Dobbiamo parlare ai ragazzi anche dei nuovi mezzi di comunicazione, dei social ad esempio. Abbiamo fatto un percorso con i bambini per far comprendere loro cosa significhi comunicare”.
Nello spettacolo, che ha coinvolto il pubblico, si sono alternati  momenti di ballo, di canto, ma anche di rappresentazione teatrale. Quattro le scene realizzate, una dalla squadra “Facebook”, una dalla squadra “Whatsapp”, un’altra dalla “Twitter”, e l’ultima dalla “Instagram”.  Ogni squadra ha raccontato vicende della vita di Gesù: l’incontro con Zaccheo, Pietro che rinnega Gesù, l’incontro con la samaritana, e l’ultima cena.
Ogni rappresentazione mandava un messaggio importante, un esempio di vita da seguire.
A conclusione dello spettacolo i piccoli sono stati premiati con medaglie, coppe e oggetti sacri, per la costanza impiegata nello svolgimento delle loro attività: disegno, pittura, corsa ad ostacoli, caccia al tesoro, torneo ping pong, calcio a 5. A premiare oltre i padri, anche il Sindaco del paese, Angelo Spina, e l’assessore Domenico Caggegi.
Una sorpresa anche per Agata Di Salvo, responsabile dell’oratorio, da parte dei padri agostiniani scalzi del Santuario: un bouquet di fiori per ringraziarla per la sua preziosa collaborazione. Occhi pieni di lacrime, commossi e gioiosi quelli di Agata, che non si stanca mai di occuparsi del prossimo.

Graziella De Maria