Vangelo della domenica (5 marzo) / L’uomo non deve lasciarsi sedurre dai beni effimeri, ma cercare la Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 4,4b)
Lode a te, o Cristo, re d’eterna gloria!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Lode a te, o Cristo, re d’eterna gloria!

Vangelo (Mt 4,1-11)
In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».
Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”». Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servirono.
Parola del Signore

Riflessione
Con il mercoledì delle Ceneri ha inizio il cammino quaresimale che porterà a vivere la Pasqua di Resurrezione di Gesù. Un cammino nel quale la Liturgia della Chiesa invita l’uomo ad un ascolto più attento della Parola di Dio. La Liturgia di questa prima Domenica di Quaresima ci presenta il racconto di Gesù tentato nel deserto. Gesù viene tentato negli aspetti in cui l’uomo è sedotto dalla menzogna, quali il potere, il successo e la superbia, la ricchezza e l’egoismo. Gesù vince la seduzione della menzogna ricordando che bisogna adorare soltanto Dio. Gesù insegna all’uomo che bisogna allontanare il male restando sempre uniti all’amore di Dio, l’unico che dona la salvezza. Ricorda ancora che tutte le cose create da Dio non bisogna possederle con egoismo, ma bisogna viverle come dono dell’amore di Dio, rendendo a Lui solo la lode e la gratitudine. Gesù ricorda all’uomo che è creatura di Dio e che la sua vita deve essere ancorata al suo amore, perché come ricorda il Canto alleluiatico di questa domenica: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”.

Letizia Franzone

 

Please follow and like us:
Posted by on 4 marzo 2017. Filed under Chiesa,Dialogos,In evidenza,Spiritualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
18 × 6 =