Vangelo della domenica (Diàlogos) / Il perdono di Dio non è legato al merito dell’uomo. Alla peccatrice sono perdonati i molti peccati perchè ha amato molto

Canto al Vangelo ( 1 Gv 4,10 ) Alleluia, alleluia. Dio ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati. Alleluia

Vangelo ( Lc 7,36 – 8,3 )

In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.
Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».perdono alla peccatrice
Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».
E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».
Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».
In seguito egli se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C’erano con lui i Dodici e alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni.
Parola del Signore

Riflessione

Il brano del vangelo di Luca che la liturgia di questa Domenica ci presenta, offre diversi spunti di riflessione. Il fatto narrato  in questo brano, si svolge all’ interno della casa di un giusto, nella quale entra una peccatrice. Da una parte vi è il giusto osservatore della legge, il fariseo che conosce solo il merito ed ignora il debito e l’amore di Dio che lo perdona, dall’altra parte si trova la donna peccatrice seduta ai piedi di Gesù che riceve la sua grazia e la gioia del perdono. Il perdono di Dio è un dono gratuito che non è legato al merito dell’uomo, ma al suo lasciarsi amare da Gesù fidandosi del suo amore. E questa verità la comprende bene la donna che sta ai piedi di Gesù , la donna che gli lava i piedi con le proprie lacrime, asciugandoli poi con i suoi capelli. La donna si riconosce peccatrice e bisognosa del perdono di Dio, a differenza del giusto che nella sua autosufficienza non vede il suo peccato. Questo racconto serve a far comprendere al fariseo il proprio peccato, la donna peccatrice qui gli fa da specchio. L’atteggiamento della donna gli mostra la verità del suo non saper riconoscere Gesù e di non essere realmente capace di amare. La donna gli insegna che chi si riconosce peccatore accoglie il perdono di Dio amandolo di più, perché molto ha avuto perdonato “Gli sono perdonati i suoi molti peccati, perché molto ha amato. Invece a colui al quale si perdona poco, ama poco”, dice Gesù a Simone, indicandogli la donna che gli sta di fronte.

Riconoscendosi peccatori, fragili e bisognosi di Dio, si potrà sempre più sperimentare la gioia di essere amati e sostenuti da un Padre di misericordia che, raccogliendo su di sé tutta la nostra debolezza, ci invita a camminare nella pace insieme con Lui, sicuri di essere da Lui perdonati ; e rivolgendosi verso di lei, Gesù le disse:“La tua fede ti ha salvata;và in pace!”. Solo chi si lascia amare  da Dio può far esperienza di quella pace del cuore che solo Lui può donare.

Letizia Franzone