Acireale / Il vescovo Raspanti, il pastore luterano Laatz e il pope ortodosso Jikim: è urgente il dialogo religioso

 

Nella Settimana di preghiera per l’unità dei Cristiani (dal 18 al 25 gennaio), nella chiesa di San Paolo, ad Acireale, è stata realizzata una veglia di preghiera molto partecipata e intensa con la presenza del nostro vescovo, Antonino Raspanti, del pastore luterano tedesco Andreas Laatz, e del pope rumeno ortodosso Mikhail Jikim, entrambi impegnati a Catania. L’organizzazione è stata curata dall’ufficio diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso.compressa Settimana_Unità_Cristiani_2016

Il Battesimo unisce tutti i cristiani nel trasmettere l’annuncio della Parola di Dio, l’annuncio delle sue stupende opere ai fini della salvezza, come ci attesta la Bibbia, soprattutto nel Nuovo Testamento. Cristo Risorto riconcilia il mondo in Dio Padre, dando la Grazia di Dio a tutti i cristiani, che fanno parte di diverse tradizioni. La Parola di Dio è indirizzata a tutti gli uomini ai fini della pace, in questo nostro mondo inquieto con 33 guerre in atto.

Sono stati ricordati nella preghiera tutti i martiri cristiani, particolarmente quelli della Chiesa Cattolica Romana, della Chiesa Ortodossa, della Chiesa Luterana, della Chiesa Battista.

Negli interventi dei tre prelati, rappresentanti delle Chiese cristiane, è stata sottolineata l’urgenza del dialogo religioso, per potere coesistere altrimenti si rischia la scomparsa dalla faccia della Terra.

Sarebbe impossibile vivere senza il sale, preso a simbolo di vita: essere sale su questa terra è una metafora dell’amore, della fede, ovvero significa portare i pesi gli uni degli altri, condividere problemi, gioie e dolori degli altri, lottare contro le ingiustizie. Campeggiavano al di sopra dell’altare i messaggi di papa Francesco: abitare, uscire, annunciare Dio.

Musiche moderne e cori ben affiatati hanno allietato la veglia di preghiera. Presenti gruppi di Randazzo e di Linguaglossa.

La veglia si è conclusa con attestati d’amicizia.

                                                                   Anna Bella

Print Friendly, PDF & Email