Calcio / Al Catania non basta la grinta: sconfitto a Caserta

CTCACatania sconfitto a Caserta nel posticipo della Lega Pro. Fase di studio iniziale, nel corso della quale ci provano dapprima Mancosu, poi Calderini. La prima rete della gara arriva al minuto numero 23: Mancosu scende sulla destra e opera il cross per Alfageme che, ben appostato sul secondo palo, insacca la sfera. Il Catania cerca la reazione, ma prima dell’intervallo i campani raddoppiano, approfittando anche di una leggerezza della difesa rossazzurra. Ci prova Negro, Bastianoni devia la traiettoria, ma sulla sfera arriva Mancosu che la mette in rete per il 2-0. Nella ripresa, Alfageme cerca il tris su suggerimento di Mancosu, Bastianoni mette in corrner. Sugli sviluppi, Murolo colpisce la traversa. Il Catania stenta a trovare la reazione giusta e la Casertana continua a sfiorare la terza marcatura: al 16′ De Angelis ci prova, ma l’intervento di Bergamelli gli concede solo un calcio d’angolo. Mister Pancaro sintetizza così il match: “La differenza è nelle occasioni: la Casertana ha segnato, sfruttando al meglio le sue; noi, invece, non siamo riusciti a trasformarle ed andare in gol. Squadre lunghe? Una conseguenza dell’atteggiamento delle due formazioni, che si sono affrontate a viso aperto e volevano vincere: è stata una bella gara, senza tatticismi. Ad un quarto d’ora dalla fine cercavamo il gol che avrebbe potuto riaprire la partita ed ho inserito un attaccante per un centrocampista ma, purtroppo, non è andata. Non mi arrabbio: i giocatori hanno dato tutto, fino all’ultima goccia di sudore. Dispiace per noi e per i nostri tifosi, ancora una volta encomiabili. Lavoriamo sugli errori commessi: la sconfitta non cambia nulla rispetto all’obiettivo prefissato e dobbiamo cancellarla in fretta, così come abbiamo accantonato le vittorie. La Casertana? Lo avevamo detto alla vigilia, non è prima per caso, è forte e gioca bene”.

Print Friendly, PDF & Email