Giarre: la scrittrice Viola Di Grado incontra i ragazzi dell’ “Amari”

Lunedì 13 Febbraio, presso l’aula Magna dell’istituto “ Michele Amari “ di Giarre, l’associazione culturale Libricitè ha organizzato un incontro con la scrittrice catanese Viola Di Grado.

 L’incontro, dedicato interamente alla scrittura e ai processi creativi, nonché al romanzo opera prima dell’autrice “Settanta acrilico trenta lana” vincitore del Premio Campiello e Rapallo Carige e finalista al premio Strega 2011, è stato coordinato dal prof. Dario Consoli, docente e animatore del BookForum del liceo e segretario dell’associazione Libricité, che ha avviato quest’anno la prima edizione di un laboratorio itinerante a numero chiuso di scrittura creativa dal titolo “La parola giusta”

 Viola Di Grado ha spiegato le caratteristiche metaforiche della sua narrazione, i tempi e i modi della sua scrittura e, tra i vari argomenti trattati, si è soffermata sui caratteri della lingua cinese che, essendo morfosillabica, è dotata di significato compiuto in ogni ideogramma e in ogni sillaba e costituisce un importante elemento fondativo della sua storia ambientata però a Leeds, in Inghilterra.

 Alla fine della conferenza, la giovane scrittrice, ha annunciato di essere impegnata nell’elaborazione di altri due nuovi romanzi ed ha risposto alle domande dei numerosi studenti presenti in sala, provenienti da tutte le scuole superiori del comprensorio giarrese.

Raffaello Grassi

Print Friendly, PDF & Email