Parrocchie / Il 50° di ordinazione presbiterale di don Gaetano Caltabiano, un servizio incondizionato

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga (Gv. 15,16)”. Con queste parole tratte dal vangelo di Giovanni, don Gaetano Caltabiano, parroco della parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” di Acireale, esprime un pensiero in occasione del suo 50° anniversario di ordinazione presbiteriale, avvenuta il 17 luglio 1966 presso la parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” di Fornazzo. Un servizio sacerdotale incondizionato portato avanti giorno dopo giorno per cinquant’anni, con il desiderio di donarsi al prossimo: “ho avuto il desiderio di donare tutto quello che potevo dare di me stesso, del mio tempo e delle mie possibilità agli altri, prodigandomi ed offrendo attivamente un servizio alla comunità”. corret 50 don Gaetano Caltabiano (396 x 528)
Primo parroco della parrocchia “Cuore Immacolato di Maria”, don Gaetano da trentacinque anni si occupa costantemente di continuare il cammino intrapreso, con la formazione di gruppi e associazioni, parti integranti della vita comunitaria, quali la Conferenza San Vincenzo de’ Paoli, il Gruppo Catechisti, il Gruppo Giovani con Maria, il Gruppo Scouts Acireale 3, i Ministri straordinari dell’Eucarestia, i Ministranti, l’Azione Cattolica, la Schola cantorum, l’Oratorio, la S.CO.PU.S., il Gruppo Anziani, il Banco Alimentare, il Gruppo Sportivo e il Gruppo Famiglia Arca di Nazareth.
L’esperienza della creazione della parrocchia e dell’organizzazione della vita comunitaria sicuramente è la testimonianza della voglia di scommettersi e di realizzare un sogno. “Quando ha avuto inizio la vita parrocchiale non avevamo nulla: la prima statua della Madonna, l’Immacolata di Lourdes adesso nell’Oratorio, ed alcune suppellettili sono state donate dai Fratelli delle Scuole Cristiane dell’Istituto San Luigi”.
Ma in questi cinquant’anni di sacerdozio don Gaetano ha avuto anche altri incarichi: “ho avuto la fortuna di prestare servizio al “Sacratissimo cuore di Gesù” come viceparroco per circa dodici anni ed in seguito in questa parrocchia come parroco da trentacinque anni. Ho prestato servizio in diocesi nell’Azione Cattolica e nell’Ufficio per la pastorale della famiglia: ho avuto la fortuna di collaborare, per oltre sedici anni, con delle persone splendide con cui ho rifondato l’ACR e creato le premesse per continuare negli anni questo cammino, infatti molti collaboratori oggi rivestono ruoli importanti a livello nazionale”. corret 2- don Gaet Caltabiano (528 x 396)

Anni ricchi di esperienze ed incontri, ma soprattutto densi di cambiamenti. E alla richiesta di un confronto tra i problemi riscontrabili nella società ai tempi della sua ordinazione ed in quella attuale, padre Caltabiano ha risposto: “Ho iniziato il mio sacerdozio nel luglio 1966, negli anni della contestazione. Ho trascorso un mese al “Mondo Migliore” con padre Rotondi, insieme ad un centinaio di sacerdoti provenienti da tutte le parti d’Italia, per studiare i documenti del Concilio e subito dopo ho iniziato la mia esperienza da viceparroco. Erano anni difficili, in cui si percepiva un fermento nuovo ma allo stesso tempo un senso di pesantezza, quasi un blocco di azione. Ci siamo impegnati per riorganizzare l’Azione Cattolica ed anche se era difficile per una parrocchia creare delle attività come l’organizzazione di un campeggio, ricordo che passavamo tutta l’estate al servizio delle parrocchie con i ragazzi ed i bambini. Oggi i problemi, sotto molti punti di vista, si sono moltiplicati, ma è presente un servizio sacerdotale svolto da molti giovani, a differenza di quanto accadeva cinquanta anni fa. Purtroppo i giovani non sono quelli della contestazione vissuta positivamente, non hanno la voglia di scommettersi, ma rispondono solamente ai bisogni ‘primitivi’ della vita: il dialogo con loro diventa difficoltoso, così attraverso l’organizzazione di molteplici attività e gruppi la parrocchia cerca di coinvolgerli all’interno della vita comunitaria”.

Antonella Agata Di Gregorio