“Peer education”, consegnati gli attestati a 10 studenti del corso per la prevenzione dei comportamenti patologici

Si è concluso, con la conferenza tenuta al cine teatro comunale di Bronte, il progetto di “Peer education” (educazione tra pari) finanziato con la legge 328, al quale hanno aderito i Comuni di Randazzo, Bronte, Maletto, Maniace. In questa occasione si sono consegnati gli attestati di peer ed un buono agli studenti del liceo classico “Don F. Cavina” di Randazzo Adriana Tempesta, Rebecca Scarpignato, Miriam Bonanno, Cristina Salerno, Jessica Lico, Francesca Caggegi, Monica Calì, Gabriella Ruffino, e dell’Istituto Tecnico Commerciale “B. Radice” di Bronte  Alessandra Spata e Noemi Samperi.
Le ragazze hanno così avuto modo di divulgare la loro esperienza e rendere partecipi i loro coetanei. Ha moderato la dott.ssa Rosa Saitta, assistente sociale del Comune di Bronte, che ha iniziato con il presentare la psicologa, dott.ssa Maria Veronica Scripilliti, che ha guidato i ragazzi in questa esperienza; la Scripilliti ha  subito illustrato il metodo educativo e le varie tecniche utilizzate, accompagnando il tutto con la proiezione in power point. Hanno partecipato alla tavola rotonda: il dott. Giovanni Tarditi, la dott.ssa Nunziata Toscano, la prof.ssa Theodosiadis, il dott. Nunzio Lanza; Pippo de Luca, sindaco di Maletto, cui è spettata la consegna,  ha enfatizzato il messaggio positivo di questo nuovo metodo educativo e il direttore sanitario del distretto di Bronte, Giovanni Testa.  Presenti, tra gli altri: Maria de Luca, assessore alle Politiche scolastiche del Comune di Bronte, studenti dei bienni degli istituti coinvolti, accompagnati dalla dott.ssa Marisa Gullotto, assistente sociale del Comune di Randazzo
                                                                                                                                   Maria Pia Risa

 

Print Friendly, PDF & Email