Quotidiano / Il filo da torcere dello stato islamico. “Eliminato” Naji Jerf, autore di “Raqqa è uccisa silenziosamente”

Lungo questo 2015 i media (quindi il mondo) hanno avuto un bel filo da torcere per il susseguirsi di naji Jefrattentati a opera dello stato islamico. In questi ultimi giorni l’argomento è sempre caldo. Cerchiamo, sapendo di non essere esaustivi, di fare un punto della situazione. L’esercito iracheno, ha riferito in questi giorni la Bbc, sarebbe oramai a un passo dalla conquista di Ramadi, caduta nelle mani degli jihadisti lo scorso maggio. La riconquista della città potrebbe significare la maggiore vittoria delle truppe governative dal 2014, quando hanno preso quasi un terzo del Paese. Ma a questa buona notizia è seguita quella dell’uccisione di Naji Jerf, attivista e autore di diversi reportage sulla forza distruttiva dell’Isis.  L’attivista, padre di due figli, è stato trovato morto a Gaziantep, città turca al confine con la Siria e faceva parte della rete di dissidenti Raqqa is Being Slaughtered Silently, un movimento “clandestino” che racconta le atrocità del califfato. Suo famoso documentario, che dice tutto nel titolo, è “Raqqa è uccisa silenziosamente”. Il momento è poi particolarmente concitato per il rischio attentati in questo fine anno. La polizia turca, ha riferito l’emittente Ntv, ha arrestato due jihadisti del sedicente Stato Islamico ad Ankara, nel distretto di Mamak, dove stavano pianificando un attentato da compiere il giorno di Capodanno. In Italia continuano le operazioni dietro le quinte riguardo la composizione del contingente di soldati italiani che secondo quanto annunciato dal premier Renzi prima di Natale verrebbero inviati nei prossimi mesi a presidiare la diga di Mosul, altra roccaforte chiave di Daesh. E poi c’è la situazione in evoluzione della Libia. Quest’ultima, a noi pare, possa rappresentare davvero un punto di svolta perché il nuovo anno possa aprirsi all’insegna di una politica internazionale pensante e lungimirante. Almeno nelle intenzioni.

Domenico Strano

Print Friendly, PDF & Email