A giugno per lo Stabile di Catania la riedizione di “La concessione del telefono” di Andrea Camilleri

conferenzastampa-ridotta2Torna sulle scene catanesi – informa una nota stampa – una produzione di grandissimo successo targata TSC, per tre stagioni consecutive – dal 2005 al 2008 – campione d’incassi in casa e in tournée nazionale. Parliamo dello spettacolo “La concessione del telefono”, pièce teatrale tratta dal romanzo storico di Andrea Camilleri, trasposto a quattro mani per il palcoscenico dallo stesso scrittore insieme a Giuseppe Dipasquale, che firma altresì la regia. Scene Antonio Fiorentino, costumi Angela Gallaro, musiche Germano Mazzocchetti, luci Franco Buzzanca. Il riallestimento sarà ricco di sorprese e sottolinea l’importanza di aver aggregato intorno al progetto nomi eccellenti del teatro siciliano, legati da profonde radici allo Stabile etneo. Proprio per garantire la migliore distribuzione dei ruoli, la programmazione – inizialmente prevista in marzo – verrà posticipata in giugno. Ad ospitare l’allestimento sarà la splendida cornice en plein air del Cortile Platamone.

La pianta sarà numerata, la divisione dei turni rispettata. Non sarà dunque necessario prenotare nuovamente la data in cui assistere alla rappresentazione. Inoltre il posto sarà assegnato dal personale di botteghino rispettando quanto più possibile la posizione di cui lo spettatore avrebbe usufruito al Teatro Verga. Le recite saranno tutte serali (ore 20,45), riposo nei giorni di lunedì 17 e 24 giugno. La consegna delle buste nominative con i nuovi posti sarà effettuata dal personale del botteghino durante le recite dello spettacolo “Erano tutti miei figli”, in scena al Teatro Verga dal 3 al 19 maggio.

Print Friendly, PDF & Email