Svolto ad Acireale il IX Convegno sulla Sicilianità

Si è svolto l’11 dicembre, alle ore 17.00, presso la Sede dell’Associazione Italiana Arbitri di Via Currò, il IX Convegno sulla Sicilianità promosso e organizzato dall’Associazione SiciliAntica – sede di Acireale e delle Aci. All’incontro, che ha visto numerosi partecipanti, sono intervenute la Prof.ssa Carmela Cappa , Funzionario della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania, che ha analizzato gli interventi di restauro nell’area jonico-etnea e la Prof.ssa Pinella Musmeci , responsabile per la sede acese di SiciliAntica, che ha esaminato l’identità territoriale nella pittura di Giacinto Patania, uno dei padri fondatori della scuola pittorica barocca acese.

La scuola di Acireale è tra le più attive e interessanti di tutta la Sicilia. La sua magnificenza e la sua importanza si evidenzia su tutto il territorio” dichiara Carmela Cappa, che con rammarico aggiunge: “Purtroppo regna un senso di indolenza in termini di investimento nella cultura. Sarebbero auspicabili ulteriori acquisizioni per un recupero e una maggiore fruibilità dell’identità siciliana su tutto il territorio nazionale e internazionale”.

I nostri convegni vertono sui nomi delle grandi personalità siciliane che oggi sono, purtroppo, dimenticate”, afferma ai nostri microfoni Pinella Musmeci . “L’incontro di quest’anno è improntato sulla figura di Giacinto Patania, che la maggior parte delle persone ha sempre ed erroneamente chiamato Platania. Tesi oltretutto avallata anche dalla documentazione d’archivio da me esaminata. È stato scelto di investigare sul pittore acese proprio nel 2012, anno del 400° anniversario dalla nascita”.

Domenica 16 dicembre, invece, appuntamento alle ore 08.45 in Piazza Indirizzo, dove inizierà una visita di studio itinerante nelle chiese del centro storico di Acireale dove sono presenti le pitture di Giacinto Patania e che farà da corollario al Convegno. L’invito è aperto al pubblico.

Andrea Francesco Scalia

Print Friendly, PDF & Email