Acicatena / Il piano di Protezione civile acquisito dal consiglio comunale nell’ultima seduta

Il Consiglio comunale di Aci Catena durante l’ultima seduta  ha votato il piano di Protezione civile redatto dagli uffici preposti.
L’importante strumento di supporto alla macchina dei soccorsi in caso di calamità naturali ( terremoti o fenomeni idrogeologici) – si legge in una nota del Comune –  è stato ampiamente illustrato in aula dal responsabile dell’Area Tecnica ing.Alfio Grassi e dal responsabile di Protezione civile comunale geom. Alfredo Massimino.
Durante il dibattito è emerso come uno strumento del genere, possa essere prezioso durante la gestione dell’emergenza. Il nostro territorio infatti, presenta più di qualche vulnerabilità nei settori di pertinenza del piano. La soddisfazione dell’assessore alla Protezione civile dott. Angelo Russo:”Sin dall’insediamento dell’amministrazione Oliveri – ha commentato Russo – abbiamo prestato sempre massima attenzione verso la problematica. L’ultimo piano di Protezione civile comunale risaliva al lontano 2012 e presentava più di qualche lacuna.
Oggi grazie all’ottimo lavoro del team di P.C.comunale con in testa l’ing.Alfio Grassi, attivamente coadiuvato dal geom.Alfredo Massimino, dalla tirocinante ing. Simona Torrisi e tutto il gruppo che si è adoperato per fornire suggerimenti sulle planimetrie ed altri importanti particolari utili, siamo riusciti ad allestire un piano di tutto rispetto. E’ motivo d’orgoglio per la nostra amministrazione, avere fornito uno strumento così importante e delicato nella sua valenza, poiché per anni resterà in dotazione agli uffici e costituirà un bene della e per la collettività. Va segnalato – conclude l’assessore Angelo Russo – che Aci Catena è uno dei primi comuni della Sicilia ad aver adottato e votato il piano di Protezione civile comunale, con elementi innovativi e particolari avanguardistici. Il piano, oltre a contenere le planimetrie del territorio comunale, è stato arricchito da tutte le informazioni inerenti le vie di fuga, ivi compresi percorsi normalmente chiusi da cancelli e passaggi privati, sono stati localizzati tutti i portatori di handicap gravi e meno che risiedono o domiciliano nel comune, i recapiti telefoni e la lista mail dei medici catenoti, le rete elettrica e idrica, i sottopassi ed i ponti, insomma tutta una serie di informazioni indispensabili in situazioni di grande emergenza”.

Print Friendly, PDF & Email