Mascali / Il “Nerello Jazz Fest” anima la frazione di Nunziata

Il Nerello Jazz Fest, manifestazione enogastronomica organizzata a Mascali, ha scelto come seconda tappa l’area antistante l’incantevole chiesa della Nunziatella, nella frazione mascalese di Nunziata.
L’organizzazione – informa una nota stampa – ha avuto il patrocinio dell’assessorato regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, del Comune di Mascali ed in collaborazione con l’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori vino) di Catania.

Protagonisti della serata  i vini dell’azienda vinicola Destro di Randazzo, degustati in abbinamento con alcuni prodotti tipici. A guidare la degustazione, Gregorio Calì, presidente dell’Onav di Catania, che in apertura ha illustrato le caratteristiche dei vini delle cantine Destro.

Salvo Riolo quintet
Il Salvo Riolo Quintet

Al “Nerello Jazz Fest” il Salvo Riolo Quintet

Ad esibirsi, questa volta, il Salvo Riolo Quintet, composto da Salvo Riolo, alla tromba e al flicorno, Valentina Niciforo, alla voce, Domenico Longo, al piano elettrico, Salvo Camarda, al basso, e Giuseppe Carbonaro, alla batteria.
Salvo Riolo, componente dell’Orchestra Jazz del Mediterraneo, vanta esibizioni con musicisti jazz di fama nazionale ed internazionale. Tra essi: il sassofonista americano Bob Mintzer, la pianista, arrangiatrice e compositrice americana Maria Schneider, Gianni Basso, Pietro Tonolo e Francesco Cafiso.Nerello jazz fest

Il repertorio del quintetto ha spaziato dagli standard swing alla bossanova. “Per questo secondo appuntamento del Nerello Jazz Fest abbiamo scelto Nunziata, la frazione più grande del Comune di Mascali – spiega il direttore artistico Maurizio Caruso. Una frazione a cui sono personalmente molto legato ma che, soprattutto, ospita un importante sito culturale, la chiesa della Nunziatella, di origini paleocristiane e medievali.
L’importanza artistica e culturale della Nunziatella è dovuta anche alla scoperta di affreschi bizantini risalenti al XII secolo. E pure di alcuni mosaici policromi nell’adiacente Basilica paleocristiana, datati intorno al VI secolo.

In occasione della manifestazione, chi è venuto a degustare un buon vino, un nerello mascalese dell’azienda Destro, ha anche avuto la possibilità di visitare il sito. Quindi – conclude – è stata una serata all’insegna della cultura, del buon vino e della buona musica”.

 

Print Friendly, PDF & Email