Modica / Il virtuoso riconoscimento di comune Plastic Free

Arriva dopo un lungo percorso il virtuoso riconoscimento di comune Plastic Free alla città di Modica che si è distinta, ancora una volta, in termini di sostenibilità ambientale. Un riconoscimento che arriva all’indomani della riconferma, per il secondo anno consecutivo, della Bandiera Blu alle spiagge del territorio. Un traguardo che rende orgogliosa la città che giorno dopo giorno rinnova il proprio impegno costante nel rispetto dell’ambiente. Un’attenzione che comincia oggi dal territorio, ma che guarda al futuro per un Pianeta migliore domani.

Il percorso è cominciato a novembre dello scorso anno e si è concluso qualche giorno fa con la firma del protocollo d’intesa ufficiale e la consegna del gagliardetto e della bandiera Plastic Free che sventola fiera all’interno di Palazzo San Domenico, sede centrale del Comune. Ad oggi Modica è l’unica città della provincia di Ragusa ad aver raggiunto un così importante traguardo. In Italia i comuni Plastic Free sono circa 50, mentre in territorio siciliano sono solamente tre le città ad aver ottenuto questo riconoscimento: Cefalù, Roccalumera e Modica.

Modica / Come diventare comune Plastic Free?

C’è un iter da seguire per ottenere il riconoscimento ufficiale come comune Plastic Free da parte dell’associazione. Si parte con un questionario da compilare che permette alla onlus di assegnare un punteggio al comune candidato. A seconda delle risposte è possibile valutare il livello di idoneità, valorizzare i punti di forza e capire su quali aspetti sarebbe bene migliorare. A seguito dei dovuti controlli a partire dalla documentazione fornita dall’amministrazione comunale, si procederà a stilare il protocollo d’intesa. Firmato il documento da parte di entrambi gli enti l’accordo è ufficialmente concluso.

modica comune plastic free ufficio

Modica / Buone pratiche per la salvaguardia del pianeta

Tra le caratteristiche motivo di lustro per la città di Modica sicuramente i progressi con la raccolta differenziata con un livello di differenziazione che supera il 60%. Un risultato senz’altro significativo nella gestione rifiuti per l’obiettivo di una città sempre più sostenibile. Inoltre il comune di Modica è uno dei pochi ad aver ideato un’applicazione ad hoc con il dizionario dei rifiuti, consultabile dai cittadini per qualsiasi dubbio relativo alla differenziata. L’applicazione, scaricabile facilmente dal proprio smartphone, permette anche di fare delle segnalazioni qualora dovessero esserci problemi per quanto riguarda la questione rifiuti. Questo per permettere ai cittadini di essere sempre attivi nelle questioni di interesse comune, ma anche per dare la possibilità all’amministrazione di agire tempestivamente in caso di un qualsiasi problema.

Anche in ambito di sensibilizzazione la città si è distinta con l’organizzazione di campagne di educazione al rispetto della fauna locale. Un esempio particolarmente rilevante è l’attenzione per la salvaguardia delle tartarughe marine che, nel periodo estivo, sono solite deporre le loro uova nelle spiagge del territorio. O ancora la campagna di sensibilizzazione per la tutela delle meduse, ogni anno ingiustamente uccise e lasciate a seccare al sole sul bagnasciuga. La paura incondizionata dei cittadini nei confronti di questi animali rischia di provocare gravi danni all’ecosistema marino. È per questo che è importante informare ed educare la popolazione sull’argomento, sia per la sicurezza dei cittadini che per la salvaguardia della specie.

Altro punto a favore della città ben tre “Case dell’acqua” già istallate. Si tratta di un sistema di distribuzione di acqua anche refrigerata o gassata, a seconda dei gusti di ciascuno. Attraverso delle tessere ricaricabili nei punti vendita convenzionati, ciascuno può fare scorta di acqua potabile e favorire così la riduzione dell’utilizzo di bottiglie di plastica monouso.

modica plastic free bandiera

Modica / Gli accordi del protocollo d’intesa Plastic Free

Ma cosa comporta questo riconoscimento? La firma del protocollo d’intesa sancisce un impegno concreto che entrambe le parti promettono di rispettare. Da un lato il comune di Modica si impegna di prendere provvedimenti ad hoc per tutto ciò che riguarda la salvaguardia dell’ambiente. Tutte le manifestazioni di carattere cittadino verranno ripensate in ottica di sostenibilità. Il comune emetterà un’ordinanza per regolamentare e tentare di azzerare l’utilizzo della plastica monouso nei locali, ristoranti ecc. O ancora vietare il rilascio di palloncini nell’ambiente che provocano gravissimi danni all’ecosistema terrestre e marino. Saranno inoltre avviati incentivi a favore delle aziende che decideranno di applicare delle politiche di produzione e smaltimento rifiuti più responsabili e meno impattanti.

Dal canto suo l’associazione Plastic Free garantisce un canale di comunicazione diretto con l’amministrazione. S’impegna a organizzare più eventi di raccolta e iniziative di sensibilizzazione. In particolare cercando di coinvolgere le scuole per dare il buon esempio a partire dalle nuove generazioni. Dal prossimo anno scolastico, infatti, il referente Plastic Free della provincia di Ragusa, Giorgio Tudisco, ha in mente di organizzare una campagna di sensibilizzazione di massa per gli studenti. Inoltre, se dovessero arrivare i fondi necessari, verranno istallati depuratori d’acqua all’interno degli istituti per garantire a ragazzi e ragazze acqua potabile.

Mariachiara Caccamo

Print Friendly, PDF & Email