Echi del Natale / Chiuse ad Acireale le mostre dei presepi allestiti con fede e impegno

Acireale è città di presepi e presepisti . Il Presepe della Grotta, il più tradizionale, riaperto quest’anno con grande soddisfazione dei cittadini, è stato meta di tanti visitatori, venuti anche da lontano, che ne hanno ammirato la settecentesca bellezza artistica.
Anche in Piazza Duomo ne è stato allestito uno, e qui la simbolica capanna, suggestiva nella sua semplicità, sarebbe stato più opportuno posizionarla all’angolo tra la Cattedrale e la Basilica di San Pietro, per non danneggiare il delicato centro artistico “del cinque oro” della pavimentazione, che meriterebbe maggiore attenzione, come tempo fa ha osservato l’architetto Messina.
A valorizzare i presepi acesi anche  tre mostre, l ’una di Corso Savoia e le due di Corso Umberto, precisamente quella dell’Associazione Artigiani del Santonoceto e l’altra, “Betlemme”, che sono state molto apprezzate dai numerosi visitatori, e hanno dimostrato come parecchi cittadini, in crescita ogni anno, riescono a vivere il mistero della nascita di Gesù Bambino con profonda coscienza ed amore, attraverso rappresentazioni di presepi originali e stupendi, che sorprendono ed incantano tutti.
Gli organizzatori di tali mostre sono  sempre più bravi e attenti, convinti che onorare il Re di tutti i popoli è una missione da coltivare con alto senso di responsabilità, attraverso iniziative particolari, atte a sensibilizzare gli artisti ad impegnarsi con tutte le proprie energie, per la rappresentazione della nascita di Gesù, luce del nuovo mondo, in opposizione a quello antico, senza la Parola eterna.
Si medita, durante la visita dei presepi, come l’ incarnazione del Redentore innalzi le genti dalla terra al Cielo; come la Notte Santa con gli angeli annunciatori del meraviglioso evento ad umili pastori sia un capovolgimento di valori; come sia una scoperta la fulgida stella per i Re Magi, che s’incamminano per portare a Gesù i doni d’Oriente, per adorarlo, riconoscendolo quale unico Figlio del Padre, Re e Dio immortale.
Domenica 7 gennaio,  al Santonoceto, a chiusura della mostra, sono stati consegnati attestati di merito a tutti i partecipanti. Significativo il recital di belle poesie natalizie in dialetto siciliano del poeta Nicola Raciti, seguito dalla recita della poesia in italiano, “A Gesù Bambino, Re di tutti i popoli” di Anna Bella, che ha coinvolto il pubblico presente in un dibattito sulla problematica dei bambini migranti del nostro tempo, alla pari di Gesù esule in Egitto.

                                          Giulia Foti

Please follow and like us:
Posted by on 11 gennaio 2018. Filed under Acireale,Chiesa,Comuni,Cronaca,Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
52 ⁄ 26 =