Acireale / Cittadinanza onoraria al Milite Ignoto

Ad Acireale, nell’aula consiliare, ha avuto la seduta del Consiglio comunale, convocata dal presidente, Fabio Fontanesca, in accoglimento della proposta di conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Proposta formulata in ambito nazionale dal gruppo delle “Medaglie d’oro al valor militare d’Italia” ed Associazione nazionale dei Comuni italiani (ANCI).

Il civico consesso – si legge in una nota del Comune – si è espresso favorevolmente all’unanimità dei 16 consiglieri presenti,  alcuni dei quali sono intervenuti nel corso della riunione. Erano presenti il dirigente del Commissariato, dott. Tito Cicero, autorità locale di Pubblica sicurezza, il comandante della Stazione dei carabinieri, luogotenente Vito Polignano.
Ancora, il comandante dell’Ufficio locale marittimo – Guardia costiera, primo maresciallo Gaetano Guglielmino, gli studenti di alcuni istituti comprensivi, accompagnati da dirigenti scolastici e docenti. E anche i rappresentanti dell’Associazione nazionale bersaglieri, dell’Associazione nazionale marinai d’Italia e dell’Associazione Arma Aeronautica.

cittadinanza onoraria al milite ignoto
Il consiglio comunale di Acireale ha votato favorevolmente la proposta di cittadinanza onoraria al Milite Ignoto

100 anni della tumulazione del Milite Ignoto nell’Altare della Patria

Nella sua introduzione, il presidente Fontanesca ha ricordato che il prossimo 4 novembre ricorrerà il 100° anniversario della solenne tumulazione del Milite Ignoto nell’Altare della Patria, al Vittoriano. “Dopo un secolo – ha affermato il presidente Fontanesca – celebrare il Milite Ignoto significa rendere omaggio alla forza, al valore, alla tenacia di tutti coloro che, in ogni tempo ed in ogni occasione, si sono sacrificati per la Patria”.

Quindi, il capo del Cerimoniale comunale, dott. Maurizio Massimino, al quale il presidente Fontanesca ha rivolto un pubblico elogio, ha illustrato il significato dell’evento e le varie fasi storiche che lo hanno contraddistinto.

Il sindaco, ing. Stefano Alì, partendo dal Sacrario militare di Redipuglia, si è soffermato su vari aspetti, rivolgendosi in particolare agli studenti presenti in aula. “Il ricordo del Milite Ignoto – ha esordito il primo cittadino – aggiunge all’orrore della guerra, l’orrore dell’impossibilità di avere un luogo dove ricordare i propri figli. Celebrando il Milite Ignoto dobbiamo percepire il dramma della morte ed il dolore di chi  non li ha potuti riabbracciare. E non ebbe nemmeno un luogo dove piangerli, tema pregnante della cultura cristiana. Oggi – ha aggiunto il sindaco Alì – dobbiamo rinsaldare la memoria dei morti all’orrore assoluto verso la guerra”.consiglio comunale di Acireale dà voto favorevole alla proposta di cittadinanza al milite ignoto

Il presidente della prima commissione consiliare, Sara Pittera, è stato chiamato ad illustrare il parere fornito rispetto al conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Parere sostenuto da quello favorevole e di regolarità tecnica del dirigente dell’Area Amministrativa, dott. Alfio Licciardello.

Gli interventi del dott. Cicero, del luogotenente Polignano e del primo maresciallo Guglielmino, assai apprezzati, hanno concluso la seduta. L’appuntamento, dunque, è stato rinnovato al 4 novembre, data che coinciderà con la Festa in onore dei Caduti. E che sarà celebrata con un evento particolare a cura del Cerimoniale comunale.

Print Friendly, PDF & Email