Acireale / Legalità: i “percorsi condivisi” proposti dall’Ufficio di Pastorale sociale della Diocesi

L’Ufficio di Pastorale Sociale della Diocesi di Acireale, da qualche anno propone, in collaborazione con le associazioni Libera e Libera Cittadinanza e con i Referenti Alla Legalità degli istituti superiori di Acireale che aderiscono al progetto, l’iniziativa dei “Percorsi Condivisi di Legalità”. Abbiamo incontrato il direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale, don Marcello Pulvirenti, per parlarci di questo interessante progetto educativo.

Al direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale abbiamo chiesto di spiegarci il tema proposto per questo anno “Uomo/Donna: Dinamiche Relazionali e Ruoli Sociali”, e di dirci inoltre, n qualità di direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale, la sua personale esperienza vissuta nell’incontrare diversi studenti dei vari istituti scolastici, se ha riscontrato una loro attenzione riguardo tematiche così serie e delicate.

legalità (540 x 415)correttaI “Percorsi Condivisi” – ci spiega il direttore – ha l’obiettivo di far incontrare i diversi studenti dei vari istituti, per prendere coscienza di problematiche riguardanti la giustizia e la legalità, per maturare una coscienza antimafia, capace di denunciare il male, la corruzione e l’illegalità, proponendo percorsi di legalità capaci di custodire e ripristinare il bene comune. Il Percorso di quest’anno ha come tematica: “Uomo/Donna: Dinamiche Relazionali e Ruoli Sociali”, con il quale si cerca di far riflettere gli studenti sul tema abbastanza attuale, della differenza di genere e aiutare a scoprire la ricchezza di tale differenza, attraverso un percorso antropologico e culturale. Si cercherà di individuare le diverse problematiche che generano le varie forme di violenza nel confronto tra i due sessi, cercando di scoprire le varie distorsioni culturali e ambientali che ne stanno alla base.

I giovani, continua ancora il direttore, ascoltano le varie conferenze con molta attenzione intervenendo anche in modo pertinente. Loro stessi insieme ai diversi Istituti ci chiedono di programmare le varie conferenze ed incontri. Attraverso questi “Percorsi Condivisi”, gli studenti hanno modo di confrontarsi tra di loro e anche con altri studenti di altri istituti; da questi confronti gli studenti stessi hanno fatto notare come uno stesso tema è affrontato in modo completamente diverso dai diversi studenti di diverso indirizzo scolastico. Questa possibilità di confronto quindi è molto arricchente per loro. Gli studenti stessi, al termine dei vari momenti formativi, producono dei lavori significativi, che denotano molta riflessione, molta sensibilità, molto desiderio di poter esprimere le loro idee, e anche l’esigenza di un cambiamento di certe dinamiche che viste solamente nella propria individualità, portano i ragazzi a scoraggiarsi, se invece le stesse idee e gli stessi valori si confrontono e si portono avanti con altri giovani, questi valori positivi diventano una forza e motivo d’incoraggiamento.

Una interessante iniziativa dunque quella dell’Ufficio di Pastorale Sociale, che partendo proprio dal tessuto sociale e umano cerca di far rilevare quelle che sono gli autentici valori esistenziali, partendo proprio da quella responsabilità che ogni singolo deve sentire al fine di un cambiamento morale e sociale, dove il valore della verità, della bontà e della bellezza, possono trovare la loro autentica espressione.

 

Letizia Franzone

Print Friendly, PDF & Email