“Preghiera per l’Italia” / Il santo Rosario dal mistico Santuario di Vena e una supplica alla Madonna

“La verde campagna avvolge in un abbraccio / la semplicità del prospetto del Santuario della stupenda Madonna della Vena con il Bambin Gesù, / circondata da solenni mistici Santi nel presbiterio che infondono sacri sentimenti nelle menti e nel cuore. / L’atmosfera che avvolge Maria e il dolce Bambino non è di questa terra, è un riflesso di Paradiso, /mentre una soave musica di pensieri vaga intorno, sull’antica storia della vaga piccola sorgente d’acqua. / Il silenzio del mistico luogo è una preghiera:
grazie al cielo e al mare in prospettiva l’anima / gode di un’ebbrezza sovrumana, misteriosa”.
Il 3 giugno, dal Santuario diocesano Madonna della Vena, in territorio di Piedimonte Etneo, TV2000 ha trasmesso in diretta il Rosario con la preghiera di affidamento dell’Italia a Dio e alla Vergine Maria affinchè ci liberi dalla pandemia che sta devastando il mondo e ci dia forza e protezione.

Mons. Antonino Raspanti

E’ stata una grande gioia vedere quell’amato luogo di preghiera, con la presenza del nostro vescovo, mons. Antonino Raspanti , e di altri rappresentanti del clero, di ordini religiosi, di fedeli, essere conosciuto e apprezzato da tutta l’Italia. Commoventi i canti che hanno dato un tono di solennità al Santo Rosario, recitato da rappresentanti del mondo religioso e del mondo laico.
Il coronavirus ancora imperversa nella nostra terra, anche se con minore intensità, tuttavia si continua a vivere una drammatica situazione che limita la nostra libertà, facendoci fortemente sperare il ritorno alla normalità, con nuovi progetti di vita più lineari.
Certo la preghiera a Dio, al Cristo Risorto, a Maria Regina del Cielo, a tutti Santi è fonte di vitalità, di fiducia nell’onnipotenza divina, conforto nelle nostre tribolazioni.
Che il nostro anelito di vita nuova possa essere accolto nel Regno dell’Eternità, in modo da ritornare al più presto a godere della bellezza della Terra con i suoi splendidi beni naturali; amare il nostro prossimo, secondo il mirabile precetto di Nostro Signore; respirare l’aria pura dell’ Etna, in un’estate di salute.

                                                              Anna Bella        

Print Friendly, PDF & Email