Intervista / Il sindaco di Buccheri, Caiazzo: “Ottima collaborazione tra Amministrazione comunale e cittadini”

0
225
Alessandro Caiazzo

Buccheri, piccolo borgo nella provincia di Siracusa, è una gemma preziosa all’interno del territorio ibleo. Con le sue mille e ottocento anime e con il suo patrimonio storico-artistico-naturalistico è uno dei borghi più belli d’Italia. Nella cittadina iblea si possono ammirare e visitare luoghi sacri come la chiesa di Sant’Antonio Abate, quella di Santa Maria della Maddalena, di Sant’Ambrogio e il Santuario Madonna delle Grazie.

L’avvocato Alessandro Caiazzo è sindaco di Buccheri dal 2013. Lo abbiamo incontrato per parlare del suo territorio.

Il comune di Buccheri è inserito nel Circuito dei Borghi più belli d’Italia. Quali sono i suoi punti di forza?

Il comune di Buccheri ha una vocazione turistico-agricola. Questi due punti di forza hanno trasformato in meglio il tessuto economico e sociale. Nel 2023 c’è stato un incremento turistico, infatti da marzo ad ottobre, c’è stato un flusso di 138.000 presenze.
Inoltre Buccheri dal punto di vista naturalistico è il Comune con la più alta densità boschiva della provincia di Siracusa. Nel 2015 è diventata capitale mondiale dell’olio extravergine di qualità.Alessandro Caiazzo

Nel 2018 il borgo ibleo ha ottenuto il primo posto nazionale per essere “Meta d’eccellenza” nell’ambito del concorso 100 Mete d’Italia. Nel 2021 il Comune di Buccheri, viene premiato con il Foodtrekking Award 2021. Ad istituire questo riconoscimento è stata la Word Food Travel Association (WFTA), organizzazione non-profit e non governativa, fondata nel 2003, e considerata la principale autorità mondiale nel settore del turismo enogastronomico. Nello stesso anno Buccheri viene eletto Borgo più bello della Sicilia con oltre tredicimila voti di preferenza.

Il borgo di Buccheri gode di un patrimonio storico-artistico-culturale. Sindaco Caiazzo, in che modo intendete valorizzare tale ricchezza?

L’abbiamo già valorizzata. Buccheri è ormai presente in tutte le riviste di settore che si occupano di promozione e sponsorizzazione delle bellezze artistico-culturali. Come Amministrazione comunale abbiamo dato impulso per migliorare la fruibilità e lo stato di conservazione. Abbiamo provveduto alla riqualificazione della scalinata della chiesa Sant’Antonio Abate. Inoltre si è proceduto al restauro della statua marmorea di Maria Maddalena di Antonello Gagini (1505). Un altro intervento è stato il restauro della storica fontana dei quattro canali (1515). Inoltre abbiamo istituito il Museo degli antichi Mestieri. Abbiamo finanziato la cartellonistica turistica dotata di audioguida per consentire ai visitatori di conoscere le ricchezze storico-culturali in autonomia.

Palazzo municipale
Il palazzo municipale

Sindaco Caiazzo, avete presentato dei progetti per ottenere dei finanziamenti messi a disposizione dall’Unione Europea?

Si, certo. Riqualifichiamo area castelli, rigenerazione urbana ( strade, angoli del borgo), digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, riqualificazione degli impianti sportivi, messa in sicurezza del territorio, manutenzione straordinaria delle scuole, adeguamento sismico di edifici strategici.

Secondo lei, la realtà dei Borghi, potrebbe favorire l’incremento turistico e far aumentare il PIL (Prodotto Interno Lordo) a livello nazionale?

Certamente. La realtà dei Borghi è in crescita. C’è una ripresa turistica post-covid, perché quello che si vive nei borghi è esperienza autentica, perché naturalmente fanno parte di un segmento turistico in forte crescita e che rappresenta senz’altro il futuro del turismo esperenziale.

Quali iniziative si possono adottare per contrastare il triste fenomeno dello spopolamento che sta interessando i borghi italiani?

Un’iniziativa che abbiamo sviluppato nell’ultimo triennio consiste nell’erogazione di un contributo nell’ambito della misura richiesta ai Comuni cosiddetti svantaggiati. Questa misura prevede la possibilità di creare nuove attività economiche che sono destinatarie di un contributo economico. Contestualmente c’è la possibilità di ricevere contributi per i nuovi residenti. Questi provvedimenti hanno fatto nascere a Buccheri nuove attività commerciali e c’è stato anche un incremento di residenti.

Questa iniziativa è importante per frenare il fenomeno dello spopolamento. Il Comune di Buccheri, dispone inoltre, di infrastruttura di banda ultralarga e fibra ottica da oltre 5 anni. Questo permette ai lavoratori di usufruire dello smart working ( telelavoro). Inoltre ritengo che sia necessario continuare a lavorare sulla promozione dei prodotti agroalimentare d’eccellenza, perché questo può essere volano di sviluppo economico.

chiesa S.Antonio Abate
Chiesa S.Antonio Abate

Rocca Imperiale, bellissimo borgo calabro, dal 6 all’8 settembre 2024, ospiterà insieme ad Oriolo, la sedicesima edizione del Festival dei Borghi più belli d’Italia. Buccheri parteciperà?

Come ogni anno, il Comune di Buccheri sarà presente perché l’Associazione dei Borghi più belli d’Italia è un unicum nel panorama nazionale ed internazionale. Non solo perché detiene il primato della bellezza ma perché è anche un contenitore di idee, di condivisione di iniziative e di innovazione.

Sindaco Caiazzo, secondo lei quali strumenti sono necessari affinchè si possa creare occupazione a livello giovanile?

E’ necessario che la ricchezza naturalistica del Comune e parlo soprattutto dei boschi, vengano oggi sfruttati in maniera sostenibile per creare nuove opportunità di lavoro e non solo considerarli “musei“ naturalistici all’aperto.

Lei è alla guida del centro ibleo da oltre un decennio. Si sente soddisfatto degli obiettivi raggiunti?

Si assolutamente. Abbiamo fatto emergere Buccheri, l’abbiamo fatto conoscere al mondo. Se oggi la mia cittadina, è uno dei Borghi più belli d’Italia, il più bel borgo di Sicilia, fra le migliori destinazioni culinarie al mondo, capitale mondiale dell’olio extravergine di qualità, Comune d’eccellenza d’Italia, tutto ciò è stato possibile grazie al lavoro sinergico che c’è stato fra l’Amministrazione comunale e il tessuto cittadino. Oltre a questi risultati, altri obiettivi abbiamo raggiunto anche in termini di riqualificazione urbana, di miglioramento di servizi. E siamo convinti che lasceremo a chi verrà dopo di noi, un Comune assolutamente migliorato.

                                                                  Giuseppe Russo 

 

Print Friendly, PDF & Email