L’Ordo Virginum, una “stirpe eletta” per l’annuncio di carità

L’Ordo Virginum  può definirsi “una sorpresa dello Spirito Santo”, rinato all’indomani del Concilio Vaticano II.

L’Ordine delle Vergini della Chiesa acese riunisce e collega tutte le donne che nella nostra Chiesa Diocesana sono state consacrate con rito solenne da parte del Vescovo, in una forma che privilegia:
• la testimonianza della verginità per il Signore e il suo Regno
• nella e per la Chiesa Diocesana
• in dipendenza dal Vescovo
• rimanendo nel popolo di Dio, in una vita immersa nelle modalità ordinarie del vivere.

La consacrazione è definitiva e pubblica. Il Rito, celebrato dal Vescovo, risale ai primi secoli della cristianità: pur contenendo le stesse valenze espresse nella tradizione religiosa dai ‘voti’, privilegia l’aspetto ‘passivo’ e ‘consacratorio’ della dedicazione totale.

All’Ordo Virginum della Diocesi di Acireale appartengono attualmente 5 consacrate,  che vivono ‘stili’ vocazionali piuttosto diversificati, ma sostanzialmente accomunati dallo stesso “carisma”.

Nella tradizione della Chiesa ogni dono o carisma, affidato in modo permanente, assume il volto di ministero. Nel caso dell’Ordo Virginum, questo ministero, consegnato e vissuto mediante il rito di consacrazione, è profezia in una dimensione escatologica.

Nella Chiesa locale la Vergine Consacrata rappresenta «l’esistenza cristiana come unione sponsale fra il Cristo ela Chiesa, che è fondamento sia della Verginità Consacrata che del Sacramento del Matrimonio» (premesse – rito). Così la Vergine Consacrata è icona della Chiesa locale «presente nel mondo e tuttavia pellegrina» (cf. SC2).

Ogni  consacrata si pone al cuore della propria Diocesi con la funzione specifica di tessere i fili per costruire la comunione fra ogni realtà ecclesiale, aiutando anche gli altri a diventare degli appassionati dell’unità, in quanto appassionati della Chiesa.

Man mano che il cuore si allarga getta ponti verso le altre realtà che incrociano il cammino. È stato così che dall’ambito della Diocesi ci si è aperte a una sorta di comunione con altre Chiese sorelle.

Frutto di questo cuore dilatato è il Convegno Nazionale che ogni anno viene organizzato dal collegamento per l’Ordo Virginum delle Diocesi che sono in Italia..

L’Incontro Nazionale di quest’anno sarà ospitato dal 25 al 29 Agosto dalla Diocesi di Mazara del Vallo. I destinatari dell’incontro sono: le Consacrate, le Giovani in Formazione, le Simpatizzanti, i Vescovi e i Sacerdoti delegati per l’Ordo Virginum.

«“Voi invece siete stirpe eletta” (1 Pt 2,9). Ordo virginum: annuncio di carità», questo è il tema offerto ai partecipanti, in continuità ed a conclusione della riflessione avviata sui tria munera: in cammino con Cristo, Profeta, Sacerdote e Re. Camminare dietro a Cristo significa camminare nella carità (Veritatis Splendor, 19) per cui si rifletterà su come vivere la regalità con fecondità e pienezza nella Chiesa “poiché bene essa si ricorda di dover raccogliere con quel Re, al quale sono state date in eredità le genti e nella cui città portano i loro doni e offerte” (Lumen Gentium 13,b).

Il percorso tematico proposto sarà sviluppato a partire dalla riflessione liturgica, biblica e infine morale per rendere attuale, nell’oggi concreto della storia, l’invito della Chiesa ad imitare Cristo, il modello perfetto.

Tutto l’itinerario dell’incontro accompagnerà le partecipanti  verso la necessità di una testimonianza che assume un respiro universale. La chiamata alla vita evangelica: il carattere regale della missione cristiana è, quindi, la riflessione che le vedrà impegnate nel cogliere come “lo Spirito Santo… rigenera a nuova vita i credenti in Cristo, li aggrega simultaneamente nell’unico Popolo di Dio, che è «stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione sacra, popolo di redenti»” (Ad Gentes 15,a).

 Antonella Brischetto

 (info: www.ordovirginum.itwww.ordovirginumsicily.blogspot.com)

Print Friendly, PDF & Email