Presepi acesi 5 / Nella basilica di San Pietro la pregevole opera di un artista acese novantenne

Un presepe che non è ancora inserito nel percorso “Stupor Mundi” proposto dal Comune, è quello da poco installato nei locali della basilica dei Santi apostoli Pietro e Paolo, in piazza Duomo.

dsc03694ArIl presepe è stato collocato in maniera permanente nella cappella del Divino Amore, ed è opera di Giovanni Grasso, un artista acese di 90 anni che ne ha fatto dono alla basilica. I personaggi di tale presepe sono della grandezza di circa 80 centimetri, in cui ciò che maggiormente colpisce l’attenzione sono gli indumenti, particolarmente curati e riccamente decorati, soprattutto quelli dei Re Magi, ma anche quelli dei pastori e degli stessi Giuseppe e Maria. Questa caratteristica è dovuta al fatto che l’autore è un esperto nella confezione di indumenti artistici e paramenti sacri, che nel corso della sua vita ha preparato in grande quantità. Tra questi ha pure confezionato delle mitrie damascate e ricamate in oro per i vescovi.

dsc03698arAd illustrarci l’artistico presepe è il rettore della basilica, don Salvatore Scalia: “L’artista, già avanti negli anni – ci dice –, lo ha preparato con tanta cura e ne ha fatto dono alla chiesa di San Pietro, affinché resti come segno permanente della sua attività.” E l’opera è stata infatti collocata all’interno della cappella del Divino Amore (restaurata e abbellita qualche anno fa), dove si trovano già altre statue di santi (tra cui quelle dei fratelli martiri Alfio, Cirino e Filadelfo), e dove resterà esposta per tutto l’anno. È quindi possibile visitare questo presepe, su richiesta, negli orari di apertura della basilica.

Nino De Maria

 

Print Friendly, PDF & Email