Randazzo estate: un programma ricco che ha il suo culmine con la “Vara” di Ferragosto

Anche quest’anno le serate dell’estate randazzese sono state, e saranno ancora nei prossimi giorni, ravvivate da eventi di livello culturale notevole alternati a momenti di spettacolo, alcuni inediti e a dir poco inusuali.
A inaugurare il calendario estivo la XVIII “Festa Medievale”; il 26 e 27 luglio infatti il paese si è trasformato facendo rivivere atmosfere d’altri tempi. Ormai questo appuntamento è tradizionale a Randazzo, così come a Calatabiano e Motta Sant’Anastasia. Queste infatti sono le tre cittadine che vantano le più belle feste a tema e il più bel corteo medievale della zona etnea.
Un altro appuntamento saliente si è svolto l’otto di agosto: è stata la presentazione del romanzo di Massimo Maugeri Trinacria Park, vincitore del premio “Vittorini 2013”. La vernice è stata organizzata ed introdotta dal nostro concittadino dottor Giuseppe Giglio nella sede del comune, il cui incantevole chiostro si presta magnificamente ai più disparati eventi culturali come mostre, concerti, presentazioni di libri. Questi avvenimenti diventano così un mezzo per far conoscere anche ai non residenti uno dei palazzi più belli del paese.
Sempre nel chiostro, alle 21,30 del 16 agosto, verrà proiettata una breve selezione di cortometraggi dal titolo “Il meglio di Magma”; successivamente, il 17 alla stessa ora, avrà luogo il concerto “Arie d’Opera”, eseguito da un quintetto di musica classica e curato dall’Istituto Superiore Studi Musicali “V. Bellini” di Catania.
Nel frattempo tutto il centro storico è stato protagonista di una rassegna internazionale di Gruppi Folk, dal titolo “Genti Suoni e Colori”, che hanno percorso le vie principali. Infine tutto il centro rimarrà illuminato ed animato il 23 per “LA NOTTE BIANCA”.
Tutti questi eventi ruotano intorno alla cerimonia della “Vara” che si tiene da sempre nel pomeriggio del Ferragosto. La “Vara” è un fercolo di circa 20 metri che si differenzia da tutte le altre strutture del genere (citiamo ad ad esempio quella di Messina ) per un elemento di gran rilievo: i personaggi che raffigurano la storia dell’Assunzione della Vergine, con tanto di angeli e santi, sono infatti bambini in carne ed ossa. La cerimonia occupa l’intera giornata. Si comincia già alle 11 del mattino con il Corteo dei Personaggi della “Vara”, i bambini di cui sopra vestiti di colorati abiti d’epoca, mentre la processione vera e propria uscirà dalla Basilica di Santa Maria alle ore 16,30 per il tradizionale percorso che attraversa le vie del centro accompagnato dal complesso bandistico “E. Marotta” e dal corteo medievale dell’Associazione “Sicularagonesia”. E chi ha visto la Vara uscire certo non dimentica lo spettacolo, con i bimbi festanti che protendono le braccia per afferrare caramelle e dolciumi lanciati dai balconi. La struttura è sicura come deve essere, i fanciulli non corrono pericoli, ma vedere quelle figure che si stagliano nel cielo tra lo sfavillio degli elementi colorati e riflettenti della struttura fa un certo effetto su tutti.
Quest’anno al corteo parteciperanno, insieme al sindaco prof. Michele Mangione, al vicesindaco dottor Gianluca Lanza, al parroco della nasilica di Santa Maria ed ai rappresentanti delle forze dell’ordine, anche i dottori Giuseppe Idonea e Paolo Patente, rispettivamente direttore e vicedirettore del comitato UNESCO Sicilia, la dottoressa Marisa Mazzagia, presidente del Parco dell’Etna, la dottoressa Ornella Laneri, presidente della sezione turismo di Confindustria Sicilia e altri sindaci dei paesi vicini.
Insomma un risalto notevole per la festa che tradizionalmente sta più a cuore ai randazzesi.

Alessandra Distefano

Tweet 20