Randazzo: un salto verso il futuro con la rete wifi gratuita in ben quattro piazze

Offrire gratuitamente la possibilità di usufruire di una connessione internet ai turisti ed ai cittadini che non possiedono accesso proprio alla ViceSindaco-1rete, è un segno di grande modernità per un comune siciliano, ancor più notevole quando tutto ciò è il rovescio della medaglia di un processo virtuoso che permette contemporaneamente un risparmio economico per il comune.
Ne parliamo con il Dottor Gianluca Lanza, vicesindaco ed assessore al turismo.
– Dalla fine di Luglio il comune di Randazzo ha attivato la wifi in ben quattro piazze, come sono state scelte e con che modalità si potrà accedere?
“Dall’ultimo finesettimana di Luglio, è attiva la rete wifi a Piazza Loreto, Piazza Santa Maria, Piazza Municipio e Piazza San Martino. Abbiamo scelto queste quattro aree ritenendole i punti di maggiore affluenza e comodità per i turisti… nelle piazze c’è la possibilità di sedersi. Il collegamento richiede solo di registrarsi, ovviamente senza password e la durata è di tre ore al giorno, che non è poco.”
– Come nasce questa idea ?
“ abbiamo accolto la proposta che i Giovani Democratici avevano presentato più volte in precedenza, ritenendola oggi un passo fondamentale dal momento che chiunque ormai ha necessità di collegarsi alla rete”
– Praticamente come vi siete mossi e che costi avete sostenuto?
“L’anno scorso i consiglieri di maggioranza hanno presentato una mozione per accantonare 2000 euro per l’acquisto degli apparati – le antennine Hot Spot per la connessione; di questa somma ad oggi sono stati spesi circa 800 euro.
Un altro passo fondamentale è stata la ricerca del partner, che sarebbe Mandarin, in quanto offriva le condizioni migliori.
Di questo si è occupato un nostro concittadino, Riccardo Nibali, carabiniere in pensione, esperto in telecomunicazioni che ha aiutato nella contrattazione e realizzazione del progetto.”
– E’ vero che questo miglioramento ha comportato un risparmio per il comune?
“si, prima il comune spendeva 1200 euro al mese per i contratti internet, adesso tutti questi contratti sono passati a Mandarin e la cifra mensile è scesa a 800 euro, con un risparmio annuo di circa 5000 euro e in più la wifi gratis”
Insomma risparmio per il comune e maggiori servizi per cittadini e visitatori, perfettamente in tema con la spending review dei nostri tempi.

Alessandra Distefano

Tweet 20