Storie / Salvatore Pennisi, il pescatore di Acireale innamorato della Fiorentina

0
155
Salvatore Pennisi maglia Fiorentina

Lo scorso 21 ottobre, il pescatore acese Salvatore Pennisi è stato ospite allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze in occasione della partita Fiorentina-Inter. Il motivo di questa trasferta? La sua prorompente passione per il canto e per la sua squadra del cuore, la Fiorentina. Pennisi infatti manifesta da sempre il suo amore per la squadra gigliata componendo diverse canzoni, ma non solo. Questa storia di passione ha raggiunto il suo culmine quando un lontano parente dell’uomo, Roberto Carlos Pennisi, lo ha ripreso mentre cantava la sua canzone della Fiorentina nel piccolo borgo di Santa Maria La Scala, facendo sì che il suo canto d’amore diventasse virale e arrivasse ai fiorentini.

Santa Maria La Scala / Salvatore Pennisi: ospite allo stadio di Firenze

Salvatore Pennisi ha 75 anni, da sempre vissuto nella piccola frazione acese di Santa Maria la Scala praticando la professione marinara. Cresciuto tra cielo e mare, ha condotto una vita semplice, fatta di lavoro ma anche di passioni. Quella per il canto gli ha sempre tenuto compagnia durante le sue battute di pesca. “Le mie canzoni le ho composte a mente, mentre pescavo.. soprattutto quando c’era bel tempo” – ha spiegato.

Salvatore Pennisi allo stadio di Firenze

Un uomo semplice, che con il suono della sua voce ha più volte incuriosito i passanti per le vie di Santa Maria La Scala. Ma che lo scorso settembre è riuscito ad attirare, casualmente, l’attenzione di chi gli avrebbe permesso di cantare la sua canzone della Fiorentina sugli spalti dell’Artemio Franchi di Firenze.

Salvatore Pennisi, da Santa Maria la Scala all’amore per la Fiorentina

In molti a Firenze si sono chiesti come sia potuta nascere una tale passione per la squadra viola nel cuore del Pennisi. “Avevo 5 anni quando ho scoperto l’amore per la Fiorentina. Ricordo che da bambini giocavamo con le figurine dei calciatori.. io le giocavo tutte, tranne quelle della Fiorentina” – ha ribadito più volte l’uomo. Il suo è un amore che si evince anche dal colore viola della barca con la quale va a pesca, con il giglio fiorentino ben esposto ed il nome della squadra in bella vista. “Io c’ho una barchetta, si chiama Fiorentina, se tu la guardi bene pare una signorina..” – comincia così la canzone composta da Salvatore Pennisi che riportiamo anche a seguire. Una canzone che richiama quelle tradizionali siciliane, ma allo stesso tempo celebra l’idolo fiorentino e la bella città di Firenze.

 

La storia di Salvatore Pennisi ha affascinato i membri della ACF Fiorentina. Per questo, questi ultimi hanno ricevuto l’uomo come ospite allo stadio di Firenze per regalargli l’emozione unica di veder giocare la sua squadra del cuore. Ma non solo. Salvatore ha anche ricevuto in dono una maglia della squadra con su scritto il suo nome ed il numero 10.

Grazia Patanè

Print Friendly, PDF & Email