Santa Venerina / Dall’11 febbraio attivo lo “Sportello ascolto”. Il sindaco Greco:” Diamo risposte ai disagi della comunità”

E’ stato presentato  in conferenza stampa a Santa Venerina,  nella Casa del Vendemmiatore di via Trieste, lo “Sportello Ascolto”che  sarà attivo da martedì 11 febbraio e  avrà la sua sede  nel Municipio. Sarà aperto al pubblico – informa una nota stampa – tutti i martedì pomeriggio dalle ore 16 alle ore 18.
E’ un progetto – ha detto il sindaco Salvatore Greco – che l’amministrazione ha ritenuto di inserire nell’ambito della sua programmazione economica. Non è finanziato con contributi regionali. E’ un servizio gratuito rivolto alla generalità dei nostri cittadini –  coppie, genitori, adolescenti, persone con disagi  – verso i quali il Comune  intende porsi il più vicino possibile”.
“E’ un servizio 
– ha aggiunto il primo cittadino  – che può contribuire ad orientare altre scelte dell’amministrazione attraverso il quale conoscere la domanda di servizi da parte della comunità. Dall’attività di ‘sportello’ potremmo capire che c’è ad esempio la necessità di un’attività domiciliare ed avere un punto di osservazione al di fuori dai luoghi deputati come la scuola e la famiglia.  E’ un servizio destinato ad un’evoluzione possibile ed il compito dell’amministrazione è anche quello di reperire le risorse. L’amministrazione che rappresento dedica molta attenzione ai servizi sociali e questa nuova iniziativa arricchirà sicuramente la nostra offerta”.
“Lo sportello  – ha sottolineato l’assessore ai Servizi Sociali Alfio Di Paola – è nato per venire incontro alle difficoltà dei cittadini che non vanno lasciati soli. Loro, però – continua la nota stampa –  devono collaborare  con noi per farsi aiutare. I disagi dell’ultimo decennio sono molto aumentati. E’ un’iniziativa che apre alla speranza. La speranza di trovare una soluzione ai disagi per uscirne fuori. I professionisti dell’equipe multidisciplinare assicurano il totale anonimato ed il servizio totalmente gratuito. Invito chi ne ha bisogno a non esitare a frequentarlo”.
Caratteristica peculiare dello “sportello ascolto” è la multidisciplinarietà: si occuperà di dipendenze  da alcol, da droga, da gioco d’azzardo, ma anche di questioni di violenza di genere, sugli anziani, sui minori, sui disabili.
La conferenza stampa è stata moderata dall’assistente sociale del Comune Roberta Di Natale che fa parte dell’equipe multidisciplinare. Presenti anche gli altri componenti: le psicologhe Eugenia Lucibello, Ilenia Mammino e  Graziana La Spina; e l’educatore Giuseppe Fazio.
Interessanti gli interventi delle psicologhe Mammino e La Spina che hanno dedicato una particolare attenzione rispettivamente  ai temi delle violenze e della dipendenza da gioco d’azzardo con relazioni esaustive accompagnate dalla proiezione di slide.
Oltre ai diretti interessati, allo sportello potranno rivolgersi anche le persone che vengono a conoscenza di situazioni di violenza, facendo una segnalazione. Potranno usufruirne anche i genitori che per qualsiasi motivo non riescono a gestire la propria genitorialità.

Tweet 20