Santa Venerina / Una targa ricordo per la maestra Mariella Parisi

Non muore mai chi vive nel ricordo. La maestra Maria Antonietta Parisi, da tutti chiamata con il vezzeggiativo di Mariella, scomparsa prematuramente meno di un anno fa,  sarà ricordata per sempre con una targa apposta all’ingresso dell’Istituto Comprensivo di Santa Venerina, dove era insegnante di scuola materna.

Si tratterà di una cerimonia semplice  non aperta al pubblico nell’ambito delle misure di contenimento dal contagio da Covid-19. Ma non per questo meno sentita in quanto fortemente voluta dai rappresentanti dei genitori dei bambini. Un segnale di riconoscimento  per l’impegno e la  professionalità  mostrati dalla maestra Mariella a servizio della scuola.

La stima dei colleghi per la maestra Mariella

“Ho sempre stimato la maestra Mariella e la stima è stata reciproca – spiega la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo, Mariangiola Garraffo.  –  La ricorderò sempre perché è stata la prima persona ad avermi contattata dieci anni fa quando arrivai in questa scuola. Una carineria che ricorderò sempre. Poi ho avuto modo di conoscerla come insegnante. Era una persona a cui non mancava lo spirito di iniziativa ed era sempre ricca di creatività”.

“Mariella era una collega meravigliosa – aggiunge l’insegnante Letizia Torrisi – sempre disponibile, ricopriva dei ruoli di coordinamento perché era una leader, sempre coinvolgente ed entusiasmante. Tutte qualità che ne facevano una bella persona. Ed anche se è volata in cielo è sempre ricordata da tutti noi con amore e commozione”.

….e quella dei genitori dei bambini

Da parte dei rappresentanti dei genitori arrivano parole non meno accorate. “La maestra Mariella – afferma Nelly Bonanno  – prendeva per mano i nostri bimbi, toccava la loro mente ed apriva il loro cuore. Ciò che una maestra scrive sulla lavagna della vita non potrà mai essere cancellato. Grazie per tutti i tuoi insegnamenti maestra Mariella! Con immensa gratitudine le mamme dei tuoi alunni”.

                                                                                                            Rosalba Mazza   

 

 

Print Friendly, PDF & Email