Stazzo / Arte, musica e bellezza protagonisti della XV edizione del “Premio Mediterraneo Vela d’Argento”

Una serata all’insegna della cultura, bellezza e spettacolo, quella del “Premio Mediterraneo Vela d’argento” presentata da Marinella Arcidiacono e Gianpaolo Salmeri nella suggestiva piazza Mantova di Stazzo.
A dare il via alla XV edizione, la scuola di ballo “Arte in movimento” del maestro Carmelo Santoro. Promuovere i talenti di Sicilia è la mission della rinomata kermesse, che anche quest’anno, ha voluto omaggiare maestrie ed estri. Ad essere premiati ed omaggiati di una caratteristica targa a forma di vela, sono stati: Rory Di Benedetto autore, compositore, talent scout nonché presiedente dell’etichetta Rmi; Gino Finocchiaro musicista, fisarmonicista di fama nazionale nonché membro dei Beans; Victor Mc Donald, pianista, organista e compositore della Rojal Academy of music di Londra; Melo Chillari musicista e artista nonché fondatore del gruppo folk “Kallipolis”; Santi Consoli attore di teatro e tv nonché regista teatrale e presidente regionale F.I.T.A (Federazione Italiana Teatro Amatoriale). La pittrice e artista Sonia Benvenuto, la quale ha ricevuto un riconoscimento come artista emergente. Hanno consegnato i premi, il giornalista Francesco La Rosa, il m° Rino Bertino, il presidente e il direttore artistico de ” La Vela d’oro”, Nunziato Torrisi e Delfo Raciti e Rosario Cristaudo.

Spettacolo nello spettacolo alla XV edizione del “Premio Mediterraneo Vela d’argento”, il concorso annesso “Miss Vela d’argento 2017”, che ha visto sfilare sul palco le ventiquattro modelle selezionate dalla “Metropolitan Generation” di Giuseppe Calì coordinate dal coreografo Antonio Russo. Una attenta giuria tecnica ha decretato la vincitrice di questa edizione e le finaliste che parteciperanno al concorso “La Venere dell’ Etna 2017” . Ad impreziosire la serata, le voci di Velia Picca, vincitrice del concorso “Vela d’oro senior”, de “Le Manriquitas” (Rebecca e Gaia Manrique dell’Accademia BMA) e di Carmelo Morgia dei “Beans”.

Guido Leonardi

Print Friendly, PDF & Email