Il comune di Santa Venerina istituisce il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità e la tutela dei diritti dei lavoratori

Da circa vent’anni i comitati pari opportunità sono stati introdotti nella Pubblica Amministrazione dietro indicazioni dell’Unione Europea, ma solo di recente assistiamo all’ampliamento delle garanzie: per la prima volta la questione della parità e delle pari opportunità entra a pieno titolo in una normativa di carattere generale tra i fattori che condizionano il funzionamento organizzativo della pubblica amministrazione.

In osservanza a quanto previsto dall’art. 21 della legge n. 183 del 4 novembre 2010, il comune di Santa Venerina ha costituito, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con determina dirigenziale del segretario comunale n. 9 dell’1 febbraio 2013, il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità e la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (C.U.G.).

Si tratta di un organismo che sostituisce, unificandone le competenze, il Comitato per le pari opportunità e il Comitato paritetico per il contrasto del fenomeno del mobbing, già  previsti dalla contrattazione collettiva, assumendone le funzioni secondo quanto previsto dalla legge, dai contratti collettivi relativi al personale della pubblica amministrazione o da altre disposizioni ed esplica le proprie attività nei confronti di tutto il personale dirigente e non dirigente.

Il Comitato Unico di Garanzia esercita compiti propositivi, consultivi e di verifica e persegue i seguenti obiettivi: assicurare, nell’ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici; garantire l’assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica o di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua;  favorire l’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l’efficienza delle prestazioni lavorative, anche attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici; razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l’organizzazione della Pubblica Amministrazione anche in materia di pari opportunità, contrasto alle discriminazioni e benessere dei lavoratori e delle lavoratrici.

Il C.U.G. è formato dai seguenti componenti effettivi: Rosa Antonella Colavecchio (presidente), Rosalba Mazza, Maria Concetta Sardo, Nunzio Torrisi, e dai componenti supplenti Laura Rocca e Roberta Di Natale. I componenti restano in carica quattro anni.

Giovanni Vecchio

 

 

Please follow and like us:
Posted by on 25 aprile 2013. Filed under Cronaca,Iniziative,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
10 + 4 =