Vangelo della domenica (4 giugno 2017 – Pentecoste) / Dinanzi a Gesù ogni paura scompare e la pace ritorna nel cuore

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia,
Vieni, Santo Spirito, riempi i cuori dei tuoi fedeli
e accendi in essi il fuoco del tuo amore.
Alleluia

Vangelo (Gv 20, 19-23)
La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono nel vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Parola del Signore

Riflessione
In questa Domenica di Pentecoste, la Liturgia presenta il brano di Giovanni nel racconto di Gesù che dona ai suoi discepoli, riuniti nel cenacolo, lo Spirito Santo.
Nella parte iniziale del brano vi è il riconoscimento di Gesù da parte dei discepoli che si trovavano chiusi nel cenacolo per paura dei giudei e la loro gioia nel vedere Gesù.
Nella parte finale del brano si legge di Gesù che dona il suo Spirito e invia i suoi discepoli a continuare nel mondo la sua opera di riconciliazione. Gesù risorto appare ai suoi discepoli impauriti e smarriti per tutti gli eventi vissuti, di cui non comprendevano ancora il significato; si sentivano orfani senza il loro Signore e Maestro, ma Gesù entra nel luogo dove si trovavano donandogli la pace: “Pace a voi”.
Ai discepoli il Risorto mostra i segni del suo amore donato sulla Croce “Mostrò loro le mani e il fianco. Ed i discepoli gioirono al vedere il Signore”. Di fronte a Gesù, ogni paura si dissolve e la pace ritorna nel cuore ridonando nuovo slancio e nuovo vigore. Gesù dona ai suoi discepoli il suo Spirito affinchè possano avere la forza di continuare nel mondo la sua missione: “Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi. Detto questo, soffiò e disse loro: “Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati”. Gesù dona il suo Spirito, ma è necessario che l’uomo lo accolga; i discepoli contemplano le ferite mostrate da Gesù e si affidano al suo amore.

Letizia Franzone

 

 

Please follow and like us:
Posted by on 3 giugno 2017. Filed under Chiesa,Dialogos,In evidenza,Spiritualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
7 + 12 =