CEI / 78 diocesi online sull’inquinamento ambientale

Il convegno nazionaleCustodire le nostre terre. Salute, ambiente, lavoro”, sull’inquinamento ambientale, si svolgerà online sabato 17 aprile, dalle ore 9 alle 13 in diretta streaming sul canale www.youtube.com/ceipastoraledellasalute e sul canale 88 del digitale terrestre.
E’ organizzato dalla Conferenza Episcopale Italiana in collaborazione con la diocesi di Acerra e le chiese della Campania.

Vescovi e rappresentanti di oltre settanta diocesi interessate dai Siti contaminati si confronteranno su un fenomeno diffuso e trasversale, che supera i confini dei singoli territori, quale l’inquinamento ambientale.
Sono settantotto le diocesi italiane nei cui territori insistono i 42 Siti di interesse nazionale per inquinamento ambientale censiti dal ministero della Transizione ecologica e distribuiti in modo uniforme tra il nord, il centro e il sud del Paese.

Da Acerra 78 diocesi italiane contro l’inquinamento ambientale

Per questo la Chiesa italiana ha voluto che da Acerra partisse simbolicamente la riflessione per sensibilizzare le comunità ecclesiali di tutto il territorio nazionale su un dramma, quello ambientale, per troppo tempo sottovalutato e che potrebbe condurci a scenari disastrosi in futuro se non corriamo ai ripari.

Il Convegno – ha detto il vescovo di Acerra monsignor Antonio Di Donna durante la conferenza stampa di presentazione – è il punto di arrivo del cammino compiuto da due soggetti ecclesiali. La Conferenza episcopale italiana, attraverso la Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute e la Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace.  I presidenti, monsignor Carlo Maria Redaelli, vescovo di Gorizia, e monsignor Filippo Santoro, vescovo di Taranto, hanno preso parte alla presentazione.
Ad essi si aggiungono i relativi Uffici nazionali e Caritas italiana. E dalla Conferenza episcopale campana, in particolare, le dieci diocesi dei territori tra Napoli e Caserta.

Inquinamento nella Terra dei fuochi. (ph. Agensir)

L’appuntamento sarà occasione per verificare, a sei anni dalla pubblicazione e nell’anno ad essa dedicato, lo stato di accoglienza e comprensione dell’enciclica Laudato sì di Papa Francesco, 24 maggio 2015. Ed anche per riflettere insieme sull’impatto della mancata cura del creato sulla salute della popolazione, sull’ambiente e sulle dinamiche sociali e lavorative.

Per monsignor Di Donna, la «Terra dei fuochi non è un luogo ma un fenomeno vasto e diffuso nel Paese». E si è detto molto contento che «tante diocesi italiane interessate dall’inquinamento, da nord a sud, partecipino al convegno di sabato prossimo».

Le diocesi più colpite dall’inquinamento ambientale

Il presule ha poi tracciato le tappe del cammino compiuto dalla Conferenza episcopale campana. In particolare, delle diocesi più colpite dall’inquinamento ambientale tra Napoli e Caserta, percorso per il quale la Laudato sì è il «punto di riferimento».

Innanzitutto, ha detto il vescovo, «abbiamo ascoltato il dolore della gente». Specie delle «famiglie colpite dalla malattia e dalla morte di cancro dei propri figli, bambini, giovani», registrando allo stesso tempo la palese debolezza delle Istituzioni. Ed essendo la Chiesa unico punto di riferimento della gente, la denuncia è stata spesso inevitabile, e lo è ancora oggi».

Dall’ascolto si è passati poi all’impegno di «educare le comunità cristiane». Perché «se l’importanza della custodia del creato non entra nei cammini ordinari di fede e nella predicazione», rischia di rimanere appannaggio di elite ecclesiali. E «la grande Chiesa rimane fuori».

Mons. Di Donna
Mons. Antonio Di Donna, vescovo di Acerra

I vescovi campani si sono radunati per «capire» la situazione attraverso il confronto con esperti e fare un’«operazione verità». Ciò di fronte a «dati altalenanti» e al rischio che tra un «allarmismo ingiustificato» e il «negazionismo irragionevole» prevalga l’immobilismo, come accaduto con le bonifiche.

Un’altra tappa fondamentale del cammino delle chiese della Campania è stato l’incontro del 14 gennaio del 2020 a Teano, in provincia di Caserta. C’erano più di 500 sacerdoti e parroci coinvolti dalle diocesi sul tema della educazione delle comunità cristiane alla salvaguardia del creato.

Il percorso è stato frenato dalla pandemia, ma il convegno di sabato contribuirà a rilanciare il cammino nelle prossime settimane tra le Chiese della Campania. Cammino – ha aggiunto monsignor Di Donna – che pone tra gli obiettivi futuri uno specifico «sussidio catechistico», un’«osservatorio» e la ripresa del «dialogo con le Istituzioni». Perché «dal dramma ambientale si esce solo tutti insieme».

Il convegno punto di partenza per la salvaguardia del Creato

Per il vescovo di Acerra, il prossimo convegno nazionale è un punto di arrivo ma anche di «partenza». Perché l’educazione alla salvaguardia del creato deve avere «continuità», fino alla elaborazione di una «pastorale organica» della Chiesa italiana su questo tema. Recuperando quel «documento profetico» che è Laudato sì, con l’auspicio che da Acerra possa nascere un «coordinamento» delle settantotto diocesi italiane. E la custodia del creato diventi una «priorità assoluta» dell’impegno pastorale della Chiesa italiana.

In conclusione monsignor Di Donna ha dedicato questo appuntamento «ai bambini, ai ragazzi e ai giovani morti per cancro» delle sue terre «e alle loro famiglie». Egli stesso personalmente le accompagna da vicino nel loro calvario, e ha annunciato che «dal mese scorso è stato depositato al senato un disegno di legge dal senatore Francesco Urraro per istituire la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’inquinamento ambientale. Ciò al fine di promuovere, rinnovare e costruire una coscienza civica di tutela ambientale e conseguentemente della salute».
Per la celebrazione «il giorno individuato è il 24 maggio di ogni anno, data della pubblicazione dell’enciclica Laudato sì di Papa Francesco».

Antonio Pintauro
Direttore UCS Diocesi di Acerra

Print Friendly, PDF & Email