Ordinazioni / Orazio Sciacca, neo-presbitero: “La carità pastorale sia sempre lo stile del mio ministero”

Ad Acireale, in una Cattedrale gremita di fedeli, lunedì 29 ottobre, ha avuto luogo l’ordinazione presbiterale di don Orazio Sciacca.
La celebrazione, presieduta dal nostro vescovo mons. Antonino Raspanti con la presenza del cardinale mons.Paolo Romeo, ha visto la partecipazione di molti sacerdoti e di tanti, tra conoscenti ed amici, giunti dalle diverse parrocchie nelle quali don Orazio ha svolto la sua esperienza pastorale durante gli anni di formazione.
Il novello sacerdote – ventisei anni compiuti il 31 dello stesso mese di ottobre – è originario di Loreto, frazione di Acireale. Nella cornice del prezioso Santuario Mariano, don Orazio ha incontrato il Signore e iniziato la sua esperienza di Chiesa ricevendo i sacramenti dell’iniziazione cristiana. Seguendo l’esempio della sua famiglia, si è inserito nella vita parrocchiale in modo attivo, specialmente tra i ministranti e in oratorio, esperienze fondamentali che hanno preparato il terreno all’ascolto della voce del Signore. Negli anni di Liceo, il suo rapporto con Dio non è mancato, anzi si faceva via via più intenso, facendogli immaginare la possibilità di dedicarsi interamente a Lui. Così, dopo aver conseguito la maturità scientifica, ha scelto di intraprendere il cammino del Seminario, preceduto dall’anno propedeutico. Il tempo del discernimento è stato vissuto da don Orazio come esperienza forte di preghiera, fraternità e studio, approfondendo in particolare il tema del rapporto con i giovani attraverso corsi specialistici a Messina e Roma.
«Ringrazio Dio e la Chiesa per l’inestimabile dono della Consacrazione sacerdotale – dice don Orazio – che per grazia e senza mio merito ho ricevuto. La carità pastorale possa essere sempre lo stile e la via del mio ministero, per manifestare ai tanti fratelli e sorelle che incontrerò lungo il cammino, che Dio è vicino e benedice con gioia ogni suo figlio».
Il nostro giovane sacerdote inizierà a mettere in pratica questa «carità pastorale» nelle parrocchie “S. Giovanni Battista” e “S. Maria la Nova” di Acitrezza, dove il Vescovo lo ha inviato in qualità di Vicario parrocchiale. Auguriamo che la sua presenza sia avvertita da tutti come presenza di Dio, che mai abbandona.

Raffaele Stagnitta

Print Friendly, PDF & Email