Quando l’amore per l’arte fa del bene al prossimo

0
53
La pittrice Anna Grassi tra i suoi lavori

 Molto interessante la mostra di pittura dell’acese Anna Grassi, nei locali del Santonoceto, in Corso Umberto, Acireale, in questo splendido aprile siciliano. La pittrice, da giovane allieva del maestro Roberto Rimini da Aci Trezza, poi di Francesco Patané, collega d’arte di Maria Pennisi di Floristella in Leonardi, riesce a trasfondere nelle sue incantevoli tele la musicalità insita nel suo essere, soffusa di un profondo sentimento di carità verso quanti hanno bisogno d’essere sostenuti per vivere dignitosamente, secondo i diritti umani delle persone. Soggetti di questa mostra sono paesaggi della Cina, delle Dolomiti e dei Castelli del Reno.

Apprendiamo dalla sua viva voce da quanto tempo dipinge con l’intenzione di devolvere il ricavato della vendita dei quadri a Enti di beneficenza, mossa da quali motivazioni. “Dal Duemila, anno del Giubileo, ho iniziato ad allestire una mostra di pittura in favore di “Telefono azzurro”; negli anni successivi per una missione a Fortaleza in Brasile, appoggiata dal nostro vescovo Pio Vittorio Vigo; l’anno scorso, una parte del ricavato anche per l’AIFO, di cui sono socia. Quest’anno, ho scelto di nuovo “Telefono azzurro” e inoltre la mensa di san Camillo aperta ogni giorno ai bisognosi, anche di altre nazionalità, di passaggio per Acireale o stabilitisi qui.

La mia sensibilità nei riguardi degli ultimi si è sviluppata notevolmente, quando ho preso piena coscienza come nel Terzo Mondo le necessità sono urgenti. La mia donazione per “Telefono azzurro” nasce dal rapporto di amicizia con la signora Tina Isaia Continella in Reitano, residente a Catania, socia effettiva di tale Ente. Interiormente mi sento felice di offrire il mio lavoro di artista per il bene dell’umanità in difficoltà e per quanti soffrono. Attualmente frequento con entusiasmo il corso di pittura del maestro Contarino.”

Anna Bella

Print Friendly, PDF & Email