Solidarietà / Fratel Biagio Conte torna a pregare per la fine della pandemia e ringrazia quanti hanno gestito l’emergenza nelle Missioni

E’ rientrato dal cammino intrapreso in Europa fratel Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità di Palermo, per pregare per la fine della pandemia da eremita in una grotta di Sicilia, in questo tempo di nuovi contagi e pericoli per la salute collettiva.
Riprenderà il cammino nei paesi europei appena possibile, queste le sue intenzioni.
Intanto i comunicatori della Missione annunciano la bella notizia che tutti gli ospiti e i volontari dei centri di accoglienza della Missione sono negativi al Covid-19, attraverso un comunicato di gratitudine verso quanti si sono impegnati a gestire la situazione non facile nelle comunità,ed esprimendo anche speranza nel futuro. Ecco il testo.
“La Missione Speranza e Carità di Palermo con gioia vi comunica che gli accolti e i missionari (circa 300 persone) delle 4 comunità di accoglienza, in regime di Zona Rossa causa Covid, sono tutti negativi al terzo tampone fatto in questi giorni.
Ringraziamo il Prefetto di Palermo per la sua oculata e aperta attenzione alle fasce deboli e indifese. Ringraziamo il Comune di Palermo, nella persona del sindaco Leoluca Orlando, che ci è stato vicino nei momenti importanti, ringraziamo l’assessore Giuseppe Mattina che ci ha seguiti tutti i giorni. Ringraziamo l’Asp per lo splendido lavoro svolto di messa in sicurezza dei soggetti positivi all’ Hotel Covid e di tutti gli accolti più fragili con varie patologie, che sono stati ricoverati negli ospedali in maniera preventiva. Ringraziamo Medici senza Frontiere per il loro grande supporto medico con i fratelli accolti. Ringraziamo la Croce Rossa per il suo lavoro di mediazione culturale, ringraziamo le Forze dell’Ordine che ci sono sempre state accanto e hanno patito con noi. Ringraziamo la Caritas per i pasti giornalieri forniti a tutte le missioni. Ringraziamo il buon Dio che ci ha sostenuti. Ringraziamo tutta la gente che ci ha aiutato e tutti gli ordini religiosi che nel silenzio hanno pregato per i poveri.
Tutti insieme, collaborando strettamente, abbiamo sconfitto il Coronavirus.
Nella Missione femminile di via Garibaldi e nella Missione di Villa Florio, fin dal principio dell’ordinanza della Zona Rossa, 22 giorni fa, nessun ospite e nessun missionario è risultato positivo; dopo 3 tamponi negativi, attendono al più presto la riapertura delle rispettive sedi. Auspichiamo una apertura rapida, entro domenica 11 ottobre, anche per le Missioni di via Archirafi e di via Decollati, dove tutti gli ospiti sono negativi.
Chiediamo al Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci, che sappiamo molto attento alla Missione, di normalizzare la situazione delle comunità, eliminando la Zona Rossa da tutte e quattro le sedi di accoglienza dei poveri.
Inoltre come Missione Speranza e Carità ci impegniamo con il determinante apporto delle Istituzioni, di Asp, di Croce Rossa e di Medici senza Frontiere, di mettere in esecuzione tutte le procedure sanitarie e logistiche per scongiurare un nuovo contagio”.

                                                                                                                                                                                        V.C.

 

Print Friendly, PDF & Email