Vangelo domenica 17 luglio / L’agitazione impedisce l’autentico ascolto e l’accoglienza

Vangelo domenica 17 luglio – Dal Vangelo secondo Luca (Lc 10,38-42)

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Riflessione sul vangelo domenica 17 luglio

Nella sua salita verso Gerusalemme, Gesù trova ospitalità presso due sorelle, Marta e Maria, e il fratello Lazzaro, lo accolgono in casa offrendogli cibo e alloggio. Gesù trova una casa che lo accoglie, che gli permette di gustare l’intimità dell’amicizia, di riposare, di avere tempo per pensare alla sua missione. Entrato in casa, è accolto da Marta, una donna attiva, intraprendente, che si sente impegnata a preparargli il cibo e una tavola degna di un rabbi, di un amico. Marta qui è indaffarata e assorbita dai servizi. Maria, l’altra sorella, appare invece una donna più contemplativa. Essa durante la sosta di Gesù ama innanzitutto ascoltarlo, mettersi ai piedi del maestro per ricevere il suo insegnamento.Gesù accolto da Marta e Maria

Alla presenza di Gesù, Maria assume così l’atteggiamento classico del vero discepolo. Ma ecco apparire il conflitto. Vedendo la sorella in ascolto ai piedi Gesù, Marta interviene indispettita, dicendogli: “Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille che mi aiuti”. Gesù allora interviene, non per fare un rimprovero, ma per offrire a Marta un insegnamento fondamentale: “Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti affanni per molte cose”.

L’agitazione impedisce l’autentico ascolto e l’accoglienza

Queste parole vanno capite bene, ciò che Gesù vuole correggere in Marta è la preoccupazione, ossia quell’agitazione che impedisce l’ascolto e l’accoglienza autentica di Gesù stesso. Per fare piacere a Gesù ed essergli vicina, Marta non si accorge che in realtà fa di tutto per creare ostacoli al vero rapporto con lui. I mezzi per raggiungere il fine sono per lei più importanti del fine. Agitarsi, preoccuparsi significa togliere attenzione all’altro e pensare troppo a sé stessi: ci si illude di pensare agli altri, ma l’agitazione non lo permette, anzi lo impedisce.

Questo ammonimento vale dunque per Marta come per ciascuno di noi. Gesù non condanna Marta perché lavora, facendo qualcosa per lui, anche perché egli amava la tavola, l’amicizia, lo stare insieme, ma la mette in guardia dal lasciarsi prendere dall’affanno, fino a dimenticare la sua presenza. Occuparsi, non preoccuparsi; lavorare, non agitarsi; servire, non correre: sono attitudini umane assolutamente necessarie.

Cosa è veramente necessario? Cosa è determinante nel rapporto con Gesù? Una sola cosa: essere suo discepolo ascoltando la sua parola. Per noi non è facile rispettare questo primato dell’ascolto, perché pensiamo di avere molte cose da fare, molti servizi da compiere, e spesso ce li inventiamo, pur di non ascoltare le parole di Gesù. In noi, infatti, c’è ribellione alle parole di Gesù, c’è la tentazione di non ascoltarle per non osservarle. C’è la tentazione di preferire ciò che vogliamo, ciò che decidiamo, ciò di cui siamo protagonisti, piuttosto che ascoltare.

Paolo Morocutti

Print Friendly, PDF & Email