Diocesi / Grazie all’8xMille domenica 23 aprile riapre al culto la chiesa di Torre Archirafi

0
73
chiesa Torre Archirafi

Domenica 23 aprile, alle ore 9.30, con la celebrazione della Santa Messa, il vescovo mons. Antonino Raspanti, riapre ufficialmente dopo 5 mesi la chiesa parrocchiale Santa Maria del Rosario in Torre Archirafi (Riposto), chiusa per interventi di ristrutturazione.  Oltre 80mila euro il costo per il restauro della chiesa settecentesca.

I lavori – spiega una nota dell’Ufficio Comunicazioni sociali della diocesi – si sono resi necessari a seguito di ammaloramento dell’edificio causato dal tempo. E si sono potuti eseguire grazie al contributo pari al 70% dell’8xmille alla Chiesa Cattolica ed al restante 30% della comunità parrocchiale.Torre Archirafi,chiesa restaurata

Con un progetto redatto da professionisti incaricati per il ripristino del suo stato originario, la conservazione dell’opera, il prospetto ed il nuovo impianto elettrico si è consegnata un’opera che offre ai fedeli la possibilità di usufruire nuovamente dell’edificio di culto che è stato interessato anche dal consolidamento delle fondazioni.

La chiesa di Torre Archirafi punto di riferimento per la comuni

Don Lucio Cannavò, parroco della sopracitata chiesa, ha ringraziato il vescovo Antonino Raspanti, don Angelo Milone, direttore dell’ufficio Beni Culturali Ecclesiastici, il Comune di Riposto, la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania e la ditta esecutrice dei lavori.
“Ogni domenica -ha detto il sacerdote – cristiani celebrano l’Eucaristia. La nostra comunità ha la gioia di poter rientrare nel tempio che è tornato a splendere di nuova luce. La chiesa è presenza importante per il culto e nella società anche per le iniziative, e i servizi che svolge a favore degli ultimi. Ma anche per la presenza culturale e l’impegno civico”. 

 

Print Friendly, PDF & Email