Acireale calcio/L’Acireale sbanca Lamezia (1-3) e vola in vetta

Garetto-Piccioni (doppietta), tre gol per battere in trasferta il Lamezia (di Provazza il gol dei locali) e mettere le mani sul primo posto. Sì, è vero, la Gelbison (due gare da recuperare) resta la capolista virtuale) ma i tre punti conquistati sul terreno della formazione calabra valgono comunque il sorpasso sulla lanciatissima squadra di Vio e l’allungo sulla Cavese che resta una delle formazioni più titolate del torneo.

Granata con cinque under in campo impeccabili contro la vicecapolista

Al di là del successo, chiaro e netto, mai in discussione, figlio com’è stato di una marcata superiorità sul piano tecnico e tattico, la prova dei granata, con Cristiani in regia, è stata tanto bella quanto convincente. Una sola smagliatura (quella palla persa ingenuamente a centrocampo che Provazza ha trasformato nel più classico dei contropiede infilando D’Alterio in uscita disperata), l’unico neo nel contesto di una partita impeccabile

Il centrocampista granata Cristiani, splendida prestazione contro il Lamezia

Gol di Garetto nel primo tempo, Lamezia quasi mai in partita

Venti minuti di studio, padroneggiando con disinvoltura gli spazi, poi l’affondo: bravo Garetto (ecco una delle più belle note liete di una squadra che a Lamezia ha schierato cinque under) a inzuccare il pallonetto di Russo su calcio piazzato e a trafiggere Lai: 0-1. Poco convinta la reazione degli uomini di Vio: granata sempre primi sul pallone, D’Alterio mai impegnato, Garetto vicino al raddoppio poco prima dell’intervallo.

Doppietta di Piccioni, l’ex trapanese Corapi non basta al Lamezia

Il tema della partita non muta alla ripresa del gioco: sulla fascia di mezzo è sempre l’Acireale a prevalere nonostante Vio giochi subito la carta-Corapi (irriconoscibile, l’ex regista del Trapani in C). Sfiora il palo Todisco, poi Miceli riesce a beccarsi due gialli in pochi secondi: il primo per un fallo da rigore sullo stesso Todisco lanciato a rete, il secondo per proteste. Dal dischetto, Piccioni batte Lai: 0-2. E lo stesso attaccante granata si ripete due minuti dopo:0-3. Partita chiusa, in pratica.

Di Provazza il gol della staffa per i calabri che chiudono in nove

Il Lamezia accorcia con Provazza, poi, in nove per l’espulsione di Maimone, non può che assistere al trionfo granata. Finisce 1-3 per l’Acireale che, in attesa che la Gelbison recuperi le due partire non giocate, può godersi il primato e prepararsi nel migliore dei modi al derby con il Paternò in calendario domenica prossima.

 

Print Friendly, PDF & Email