Acireale / Le opere di sette artisti alla “Collettiva d’arte” nel collegio Santonoceto

0
128
Collettiva d'arte al collegio Santonoceto

E’ in corso una “Collettiva d’arte” nei locali del collegio Santonoceto di Acireale a cura dell’associazione culturale K-diem. Gli artisti che espongono sono: Corrado Iozia, Graziella Torrisi, Enza Sorbello, Manuela Privitera, Concetto Orofino, Graziella Bonaccorsi, Tina Fichera. La mostra si può visitare fino a domenica 23 aprile dalle 17,30 alle ore 20.
Questi artisti sono accomunati da una forte passione per l’arte ed insieme si cimentano nell’organizzazione di mostre d’arte collettive o personali. Con le loro opere girano la Sicilia per partecipare ai vari eventi organizzati.

La loro sede si trova a Zafferana Etnea, in via Roma 357,  dove ognuno, a turno, espone la propria “Personale”. L’associazione artistico – culturale, senza scopo di lucro, è intitolata a “Giuseppe Sciuti”, il famoso pittore che a Zafferana ha avuto i natali.
Il sodalizio prende vita grazie a Corrado Iozia, che dipinge da quando aveva venti anni. Da allora ha portato avanti questa passione e questa associazione, di cui è anche il presidente.Acireale, collettiva d'arte

Acireale, in sette alla Collettiva d’arte al Santonoceto

Al momento gli associati che compongono questa collettiva sono sette.
L’associazione non ha aiuti esterni ma sono gli stessi consociati che a proprie spese finanziano queste attività. Ultimamente hanno esposto a Enna, a Noto, a Viagrande. Espongono anche per le mostre sacre, ad Acireale nella Basilica di San Sebastiano, al santuario della Madonna di Vena e per Natale a Zafferana, nella chiesa Madre.

Sicuramente è la passione per l’arte che spinge degli artisti a spendere dei soldi per autofinanziarsi. Abbiamo incontrato Graziella Bonaccorsi che, anche se laureata in materie umanistiche, ha studiato presso l’Istituto artistico ed è la segretaria dell’associazione.

La passione della Bonaccorso per la pittura, nasce in un secondo momento. Perché a scuola, più che altro, insegnano la tecnica, i chiaroscuri con la matite e non l’uso dei colori ad olio. Quindi, solo successivamente, ha ripreso a disegnare e poi a dipingere. Ha approfittato, anche, di un periodo di lavoro a Palermo per frequentare un corso per applicare la foglia d’oro.
Quest’estate, ogni componente dell’associazione farà, a turno, una mostra personale nella sede di Zafferana. E c’è in programma una mostra collettiva a Noto.

Mariella Di Mauro

 

 

Print Friendly, PDF & Email