Acitrezza / Con una messa solenne si conclude domani il mese dedicato a San Giovanni Battista

Con le celebrazioni dell’ottava si chiude domani, domenica 1 luglio, ad Aci Trezza il mese dedicato a San Giovanni Battista. Alle 19, nella chiesa Madre, il vice parroco della parrocchia Sant’Antonio Abate di Aci Sant’Antonio, don Andrea Sciacca, presiederà la santa messa solenne animata dal coro parrocchiale “Te Deum laudamus” diretto da Marisa Hili, con la partecipazione della Commissione per i festeggiamenti in onore del patrono. Ed a conclusione, prima del tradizionale canto dell’inno,- si legge in un comunicato della parrocchia – si svolgerà l’atteso sorteggio di due ricchi premi, ovvero una crociera ed un soggiorno in un centro benessere per due persone.

Gemellaggio tra Acitrezza e San Giovanni Galermo

Intanto la Commissione festeggiamenti, con un messaggio sulla propria pagina “Facebook” festasangiovanni.it, ha voluto ringraziare coloro che
si sono impegnati e che hanno lavorato per assicurare la buona riuscita della due giorni di festa esterna che si è conclusa lo scorso 25 giugno.
A partire dall’amministrazione comunale, passando per i carabinieri e la polizia municipale, la Capitaneria di porto, la Questura, i volontari, il
Centro studi Acitrezza per la diretta web, le compagnie teatrali “Amici di Tespi” e “Gruppo testro Acitrezza” per le commedie, l’Anbima Sicilia per l’organizzazione del raduno bandistico e le bande musicali che vi hanno partecipato.
Altri ringraziamenti sono stati rivolti all’associazione “U pisci a mari” per la realizzazione della pantomima, ai corpi bandistici “San Gregorio di Catania”, “Maestro Giulio Virgillito”, “Santo Stefano protomartire” e “Amici della musica” che si sono alternati durante la festa, le ditte “Alessandro Spina fireworks” di Alessandro Spina e figli e “L’artificiosa” dei fratelli Di Candia per i meravigliosi spettacoli pirotecnici, nonchè la “Eurolux” di Pasquale Lo Faro per la suggestiva luminaria, la cittadinanza, le attività commerciali locali e gli sponsor che hanno contribuito all’allestimento
del ricco programma.
Nonostante il tempo incerto i festeggiamenti si sono svolti nel migliore dei modi sotto ogni punto di vista, registrando in particolare un pienone in termini di presenze. Migliaia di visitatori provenienti da ogni parte, infatti, hanno assistito ai momenti clou come le trionfali uscite del simulacro e gli spettacolari rientri, ma soprattutto hanno potuto ancora una volta ammirare la centenaria rappresentazione de “U pisci a mari” assiepando il molo vecchio e lo scalo di alaggio.
E l’edizione di quest’anno della festa, sarà ricordata infine per lo storico gemellaggio che ha ancor di più unito nel nome di San Giovanni Battista le comunità di Aci Trezza e San Giovanni Galermo, con la presenza della Commissione trezzota durante l’uscita della statua del patrono di Galermo per la processione di giorno 24 e la visita dei fedeli galermesi nel borgo marinaro per l’avvio del giro del fercolo di giorno 25.