Alimentazione / Il dott. Russo spiega usi e proprietà curative del basilico

Parlando della cucina mediterranea, specialmente in Sicilia, ci viene subito in mente il basilico che con le sue foglie verdi  insaporisce e profuma tanti piatti.
Le foglie di basilico si usano per lo più fresche come condimento di sughi, primi, secondi piatti e contorni vari. Il  pesto alla genovese, ad esempio,  è una tradizionale salsa ligure a base di basilico, pinoli, parmigiano, pecorino, aglio e olio. Non manca il basilico nella pasta alla Norma, condita con pomodoro,  melanzane fritte e ricotta salata. O le tagliatelle al basilico che sono delizie della nostra terra.

Questa pianta  erbacea aromatica annuale con foglie  opposte ovali,  da 2 fino a 5  centimetri di lunghezza, può raggiungere una altezza di  60 cm. Il colore delle foglie varia dal verde pallido al verde intenso, a volte anche viola o porpora in alcune varietà. Dipende dal terreno in cui viene coltivata
.
Il basilico proviene dall’Asia tropicale e dall’India; si diffuse dal Medio Oriente alla Antica Grecia e in Italia dai tempi di Alessandro Magno, intorno al 350 a.C. Solo dal XVI secolo iniziò a essere conosciuto ed apprezzato anche in Italia.

I consigli del dott.Russo

Il dottore Sebastiano Russo è un farmacista, erborista e consulente nutrizionale, che svolge la sua professione nell’ambito dei paesi etnei. Gli abbiamo chiesto di parlarci delle proprietà curative del basilico.dott.Sebastiano Russo
“ Il basilico – spiega il dr. Russo – ha sempre alimentato varie credenze e leggende legate anche al tema del sesso, come simbolo d’amore corrisposto. Un tempo, nei linguaggi dei segni, un vaso di basilico posto davanti una finestra indicava la disponibilità della ragazza ad un incontro segreto con il proprio amato”.

E’ vero che combatte anche l’alitosi?

“Certamente. L’alitosi si combatte preparando un infuso in mezzo litro di acqua bollente, versando 10 foglie di basilico; bisogna fare bollire per 10 minuti, quindi filtrare e fare gargarismi o sciacqui durante la giornata. L’essenza aromatica del basilico si dimostrerà efficace nel combattere  l’alito cattivo”.

Il  basilico ha anche delle proprietà antispasmodiche, utili per risolvere  una digestione difficile?

“Sì. Per una digestione difficile, occorre preparare un infuso con mezzo litro di acqua bollente e immergere 10 grammi di foglie fresche di basilico nell’acqua e lasciarle in infusione per 5 minuti. Filtrare e bere l’infuso raffreddato, per alcuni giorni dopo i pasti principali”.

Questa piantina dalle foglie ovali serve anche per combattere lo stress?

“Sì. Bisogna versare 5 foglie di basilico fresco in un quarto di litro di acqua bollente e lasciare in infusione per 10 minuti. Quindi filtrare, lasciare raffreddare e bere una tazza d’infuso dopo i pasti principali per alcuni giorni.  Le proprietà stimolanti del basilico giungono a tonificare l’organismo indebolito dallo stress o dall’ansia da super lavoro di tipo intellettuale”.

“Il basilico  – conclude il dr. Russo –  è anche tonico,  dà vitalità e attenua la debolezza. Risulta efficace anche  per le vertigini, il torpore, la stitichezza, il mal di testa, il raffreddore, il mal di gola”.

Da ricordare, anche, che per prevenire l’alito cattivo è importante avere cura dei nostri denti. Essi non servono solo a frantumare il cibo in parti piccole, ma rappresentano il primo passaggio sostanziale per un regolare processo digestivo.
Le cause dei disturbi gengivali posso avere origini, ad esempio, a seguito di una mancata igiene orale. Per avere una bocca in buona salute è fondamentale procedere, dopo ogni pasto principale, ad una pulizia dei denti con spazzolino e  dentifricio.

In dialetto siciliano (ma la  nostra è una lingua) il basilico nei tempi andati veniva chiamato anche ‘u bascilicò, ‘u basiliceddu, ‘u basilicello,u bacilicò.
Mia mamma, e non solo lei, lo chiamava ‘u basilicu.

Salvo Cifalinò

 

 

Print Friendly, PDF & Email