Calcio Catania / Un buon punto contro il Catanzaro al “Ceravolo”

0
27

Un buon punto contro il Catanzaro al “Ceravolo”. I rossazzurri confermano quanto di buono hanno fatto vedere dall’inizio del campionato nonostante qualche battuta d’arresto. Il pareggio del “Ceravolo” è frutto comunque di una partita attenta, a tratti brillante.

Dal campo del Catanzaro quest’anno sarà difficile uscire con punti validi per la classifica ma il Catania è riuscito nell’intento. Peccato per la sfida contro il Bari persa al ’95 per una mera disattenzione difensiva.

Si decide tutto nel Primo Tempo della gara

Il Catania non si mostra remissivo di fronte al più blasonato Catanzaro. La prima occasione da gol della partita capita proprio al Catania, una ripartenza velenosa conclusa con una botta di poco alta da Russini dopo centoventi secondi.

Al 10′ sempre il catania sblocca il risultato con una punizione precisa insaccata alla perfezione ancora dal numero venti Russini.

L’episodio che riequilibra la gara porta Carlini sul dischetto per un calcio di rigore. E’ il diciannovesimo, Porcino da sinistra mette in mezzo ed Ercolani tocca con mano: nessun dubbio per Di Graci che decreta il rigore anche se il corpo del difensore rossazzurro pare leggermente fuori area.

Al 34′ Bearzotti recupera un pallone in uscita, serve Vazquez che incrocia ma la sfera deviata finisce in corner, poco dopo un contropiede di Piccolo semina apprensione dalle parti di Branduani.

Un buon punto contro il Catanzaro al "Ceravolo"La ripresa si apre con una girandola di cambi che cambia i connotati ai padroni di casa: Vandeputte rileva Risolo, poco dopo Cianci e Welbeck prendono il posto di Bombagi e Verna. Ma è un frangente frammentato della sfida con tanti stop – il più lungo per l’infortunio di Montegudo a seguito di un contrasto con Carlini – e pochi, pochissimi spunti.

All’80’ è il Catanzaro che arriva vicino alla rete prima con Porcino – respinto da Sala – poi con Welbeck deviato dalla difesa. Per tentare l’assalto finale Calabro assolda anche Curiale ma con esperienza, unghie e denti la retroguardia etnea resiste alla pressione dei padroni di casa.

Un buon punto contro il Catanzaro al “Ceravolo”. Adesso con la Turris in casa per conquistare nuovamente i tre punti fondamentali per la classifica.

Print Friendly, PDF & Email