Catania / Una macchina crittografica Hagelin donata al Museo dello sbarco

 

Il sindaco della Città Metropolitana, Enzo Bianco si legge in un comunicato stampa della Provincia di Catania -, ha ricevuto dalla prefetta Maria Guia Federico un dispositivo crittografico, che ha trovato collocazione nel Museo dello sbarco in Sicilia-1943.

Un momento della cerimonia con le autorità presenti dietro il dispositivo crittografico
Un momento della cerimonia con le autorità dietro il dispositivo crittografico

L’apparecchiatura – modello  Hagelin BCX-621/B – è stato adoperato nella seconda metà del secolo scorso ed è di una generazione successiva alla celebre macchina Enigma, usata durante il secondo conflitto mondiale.

“Il Museo dello sbarco in Sicilia-1943, della Città Metropolitana di Catania, è una istituzione culturale capace di competere con i musei militari del resto d’Europa. Una porzione del Museo è dedicata anche alle comunicazioni militari. Ringrazio la prefetta Maria Guia Federico per aver voluto donare al Museo una macchina crittografica”. Così ha esclamato il sindaco metropolitano Enzo Bianco accogliendo alle Ciminiere la prefetta e la delegazione che la accompagnava. La prefetta Federico, da parte sua, ha spiegato che anche al giorno d’oggi in prefettura vengono decodificati dei messaggi in cifra, utilizzando ovviamente computer, a cui è addetto personale dedicato.

Alla cerimonia di consegna – così si conclude la nota stampa – hanno preso parte il capo di Gabinetto dell’Ente, Santa Caruso, e il segretario generale Ignazio Baglieri. Presenti le massime autorità civili e militari: il procuratore Michelangelo Patanè, il colonnello Francesco Gargaro comandante provinciale dei Carabinieri, il colonnello Roberto Manna comandante provinciale della Guardia di Finanza, il vicario del questore Serafina Fascino, il colonnello Federico Fedele del 41° Stormo dell’Aeronautica militare, il capitano di vascello Michele Maltese della Capitaneria di Porto.

 

Print Friendly, PDF & Email