Coronavirus e dintorni / Aci S. Antonio, il 5 maggio riapre il cimitero e tornano negli uffici gli impiegati comunali (ma senza pubblico)

Sulle scorte del DPCM del 26 aprile scorso e dell’Ordinanza n. 18/2020
del Presidente della Regione, Nello Musumeci, il sindaco di Aci S. Antonio, Santo Caruso, ha disposto delle novità in merito alle misure legate all’ emergenza sanitaria ed epidemiologica in atto.
Nello specifico – informa una nota stampa del Comune – si dispone, da martedi 5 maggio, l’apertura del Cimitero comunale con le modalità in atto precedentemente alla chiusura disposta in ottemperanza alle disposizioni regionali, e quindi dal martedì al sabato dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 18 e la domenica dalle 08 alle 12  (il lunedì rimane giorno di chiusura settimanale), ma gli ingressi saranno contingentati: non più di trenta persone presenti contemporaneamente all’interno, che potranno sostare per un massimo di 30 minuti.
Bisognerà entrare indossando le mascherine, e all’interno dovranno essere mantenute le distanze di sicurezza.
Novità anche per gli uffici comunali: rimanendo sospeso il ricevimento al pubblico, gli impiegati saranno nuovamente presenti (nel rispetto delle norme per evitare il contagio) permettendo l’interazione telefonica con l’utenza.
Rimane chiusa fino al 17 maggio, invece, la villa comunale, per la presenza della bambinopoli e dell’area fitness e la difficoltà di  isolarle e di garantirne il costante isolamento.
“Si tratta di misure necessarie – ha dichiarato il primo cittadino – Ci
siamo attenuti a quanto disposto dal Governo e dalla Regione, e nell’ottica del buon senso riapriamo adesso quanto possiamo.
Per la villa comunale, purtroppo, bisognerà attendere: la presenza delle due
aree dedicate al fitness e ai bambini compromette le garanzie di sicurezza in merito alle misure di contenimento, e non possiamo correre rischi. Speriamo, invece, nella ripartenza dall’11 maggio del mercato settimanale, almeno per ciò che concerne la sezione dello stesso dedicata alla parte alimentare”.