Etna / Sommersi dalla sabbia nera

Sommersi dalla sabbia nera. Siamo stati abituati sin da bambini ai capricci della nostra muntagna: tanto alle spettacolari emissioni di lava quanto alla suggestiva pioggia nera di cenere e lapilli. Ma quest’anno rischiamo di diventare un po’ meno tolleranti verso il nostro vulcano. C’è chi comincia a pensare che ci voglia seppellire tutti sotto il suo manto di sabbia nera. E sì perché quest’anno è davvero tanta la cenere che c’è piovuta giù dal cielo, forse troppa. Molti comuni ai piedi dell’Etna sono in ginocchio. Anche la stessa città di Catania è ormai satura.

I disagi per i cittadini sono notevoli. Dai problemi di circolazione stradale, sia per chi cammina a piedi che per chi utilizza i mezzi, ai problemi di respirazione. Per non parlare degli ingenti danni causati all’agricoltura e, in particolare, al florovivaismo. Ammettiamolo. A quanti di noi piacerebbe, una mattina, aprire il portone di casa e ritrovare, come per magia, strade e marciapiedi ripuliti? Senza che ce lo aspettassimo e senza aver faticato? Sì che, ultimamente, dopo qualche giorno siamo punto e a capo, ma c’è chi rende possibile spesso questo piccolo miracolo: gli operai della Green Team.

pulizia strada
La squadra di Green Team rimuove la sabbia nera

Sabbia nera: gli operai della Green Team all’opera

La cooperativa fa capo alla Dusty e divide con un’altra azienda l’incarico di ripulire le strade nelle zone di Barriera e Canalicchio. Ma i ragazzi della Green Team lo fanno davvero bene il loro lavoro e gli abitanti di via Francesco Guglielmino, e diverse altre vie limitrofe, apprezzano e ringraziano.

“E’ un lavoro davvero pesante – ci spiega Santo Di Mauro, responsabile del gruppo che segue i ragazzi e dà precise indicazioni perché la pulizia sia fatta in modo efficace ed opportuno. Spingere la terra per mezz’ora è fattibile ma dopo due o tre ore, la polvere e la stanchezza si fanno sentire. E’ un lavoro che va fatto e va fatto bene e dovrebbe essere esteso a tutta la città, per evitare ulteriori problemi.

Purtroppo, ciò non accade. E non tutte le ditte lavorano così. Per questo molte zone della città sono ancora piene di terra. Non oso immaginare, appena arriveranno le piogge, cosa succederà. Esploderanno i tombini e la città si ritroverà a galleggiare. Anche tetti e grondaie sono saturi. Dovrebbero pensare per tempo ad organizzare delle squadre e fare ciò che va fatto per evitare disastri dopo”.

Nel quartiere Barriera la sabbia nera è sparita

Gran parte della città di Catania, infatti, è ancora sporca e monocolore. Nel quartiere Barriera, invece, sabato mattina, anche chi è dovuto uscire presto di casa ha goduto della piacevole sorpresa. Gli operai che solitamente curano singolarmente una piccola area del quartiere, organizzati in squadra e sotto le direttive di Di Mauro, hanno trasformato il loro compito ordinario in un lavoro straordinario.

Chi soffiava, chi spazzava, chi raccoglieva. Facendo gioco di squadra e usando accortezza per i passanti, hanno regalato un sospiro di sollievo ai cittadini. Grazie ragazzi. Se ciascuno mettesse un po’ più di impegno e responsabilità nel proprio lavoro vivremmo sicuramente in un mondo migliore. Prendiamo esempio da questi operai e facciamo appello alle autorità locali affinchè non si debba correre ai ripari troppo tardi. Certe problematiche potrebbero essere evitate intervenendo al tempo ed in modo opportuno.

Cristiana Zingarino

Print Friendly, PDF & Email