Europei 2020 / Battuto il Belgio, quale Italia in semifinale

Come nel 2016, agli Europei 2020 l’Italia si laurea ufficialmente bestia nera del Belgio, estromettendolo dalla competizione e raggiungendo la semifinale. Pone così forse fine al lungo periodo di una “Generazione d’oro” che rischia di tramontare senza successi di rilievo. I ragazzi di Mancini allungano così a 32 la striscia di partite utili consecutive, con 6 pareggi e 26 vittorie. L’ultima di questa fantastica serie proietta l’Italia alla semifinale di Wembley. Ultimo ostacolo prima dell’atto conclusivo del calendario, sarà una Spagna che, pur non entusiasmando, è riuscita a strappare una faticosa vittoria ai rigori contro una Svizzera orgogliosa e sfortunata.

Europei 2020 / Battuto il Belgio, quale Italia in semifinale

Rispetto alla vittoria di 5 anni fa, con Conte in panchina, il tema tattico della partita è totalmente stravolto. Capitan Chiellini e compagni, infatti, amano giocare alti e tenere palla. I Diavoli Rossi lo sanno bene e si chiudono subito a riccio, cercando di far male con le velocissime ripartenze orchestrate dalla freccia Doku. Gli azzurri però prendono il comando delle operazioni e al minuto numero 13 fanno urlare al gol i milioni di persone sintonizzati davanti la tv: la punizione di Verratti viene deviata in area da Di Lorenzo e poi corretta in rete da capitan Bonucci che va ad esultare nel settore occupato dai tifosi azzurri. L’urlo di gioia, però, è strozzato dalla Var che segnala il fuorigioco del difensore juventino.

La gara contro il Belgio

Il trend della partita comunque non cambia: Chiesa e compagni hanno il pallino del gioco in mano e alla mezz’ora si vedono i frutti del dominio. Verratti serve Barella, che slalomeggia tra Vertonghen e Thorgan Hazard e batte Courtois con un diagonale imprendibile. Il raddoppio giunge al minuto 44 e porta la firma di un Insigne finalmente ispirato: lo “scugnizzo” salta Tielemans e si inventa una conclusione a giro su cui il portiere belga può nulla. Il delirio italiano però dura solo un giro di..

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO di Giorgio Tosto su CittàNuova.it

Print Friendly, PDF & Email