Europei 2020 / Pessina decide il primato tra Italia e Galles

0
56
Mancini Europei 2020 Italia Galles

Agli Europei 2020 la serata tra Italia e Galles celebra lo scenario dei record che certifica la presenza stabile di Roberto Mancini nell’olimpo dei tecnici azzurri. Il successo per 1-0 sul Galles dà all’Italia l’undicesima vittoria consecutiva senza subire reti (con 32 gol realizzati). Ma soprattutto, consente di far giungere a 30 il numero di partite senza sconfitta. Una cifra magica, che permette al commissario tecnico jesino di affiancare un mito come Vittorio Pozzo, adesso a portata di sorpasso. Nella gioia per il terzo successo di fila a Euro 2020, poi, un ruolo da gigante se lo ritaglia un ragazzo che a questa manifestazione non avrebbe neanche dovuto esserci. E’ Matteo Pessina, infatti, a decidere l’incontro al minuto numero 38, con un imparabile tocco volante di destro sulla perfetta punizione calciata da Marco Verratti.

Europei 2020 / Pessina decide il primato tra Italia e Galles

Una gioia enorme per il ragazzo classe 1997 nato a Monza: la sua è la vicenda di un atleta che, dopo tanta gavetta in C (Monza, lecce, Catania, Como), si affaccia in Serie B con lo Spezia e approda in A nel 2018, alla corte dell’Atalanta: il prestito al Verona lo consacra come centrocampista di lotta e di governo, consentendogli il ritorno a Bergamo per una stagione da grande protagonista. Si tratta di un anno magico, quello appena trascorso: lo scorso 11 novembre arriva anche il debutto in maglia azzurra nell’amichevole contro l’Estonia, oltre alla gioia per la doppietta realizzata il 28 maggio contro San Marino. Quattro giorni dopo giunge però la doccia fredda, con Mancini che gli preferisce Sensi nella lista dei convocati per l’Europeo. Si parlerebbe di un sogno sfiorato, ma non è così: l’ennesimo infortunio dell’interista gli spalanca infatti le porte del ritiro dell’Italia.

Europei 2020 / Il primato tra Italia e Galles e i record di mister Mancini

Il suo momento, dopo due panchine consecutive contro Turchia e Svizzera, giunge ieri. Il c.t. decide di cambiare otto titolari su undici, per dar fiato a chi ha giocato tanto e testare le possibili alternative. Pessina va in campo al posto di un’altra splendida rivelazione come..

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO di Giorgio Tosto su CittàNuova.it

Print Friendly, PDF & Email