Europei di calcio / Perisic manda in paradiso la Croazia: Spagna ko 2-1 e ottavi contro l’Italia

Nella terza ed ulltima giornata del girone D, una grande Croazia vince in rimonta per 2-1 sulla Spagna campione d’Europa in carica grazie alle reti segnate dalle conoscenze del nostro campionato, Nicola Kalinic e Ivan Perisic, dopo l’iniziale vantaggio delle furie rosse siglato dall’ormai ex bianconero Alvaro Morata. La vittoria vale per la nazionale croata il primo posto nel girone D e determina un’ottavo di finale tra Italia e Spagna, revival della finalissima di Euro 2012 vinta per 4-0 dalle furie rosse.

Che la Croazia fosse una nazionale dal potenziale straordinario non è un mistero: da centrocampo in su giocatori del calibro di Modric, Rakitic, Perisic, Brozovic, Mandzukic, Kalinic rendono chiaro senza troppe spiegazioni il livello tecnico di una nazionale anche  ben ordinata tatticamente, seppur talvolta fragile in difesa. I campionissimi spagnoli, probabilmente ci hanno anche messo del loro oggi, pensando che in fondo anche un pari  gli avrebbe garantito il primo posto nel girone e quindi sottovalutando la grande qualità e il dinamismo degli avversari, meritatamente vittoriosi. Col secondo posto, la Roja guidata da Vicente del Bosque se la vedrà adesso con l’Italia agli ottavi di finale, giorno 27 Giugno. Ecco quanto accaduto nei 90′ di gioco:

Primo tempo.

La partita è subito divertente, malgrado l’assenza a centrocampo del talento croato Luka Modric, alle prese con un’infortunio di cui non si capisce bene l’entità e di Mandzukic, sostituito dal bomber viola Nicola Kalinic. Passano pochi minuti e la Spagna passa in vantaggio su azione innestata dal sempre geniale David Silva, che serve sulla destra Fabregas bravo a scavalcare il portiere da pochi metri, favorendo il tap-in vincente di Alvaro Morata.  Non si scompongono di un centimetro i croati, subito vicinissimi al pareggio con il delizioso pallonetto di Rakitic dopo la goffa palla persa in uscita da De Gea: la traiettoria del centrocampista del Barça è troppo perfetta, scavalca anche Piquè all’altezza della linea, ma si stampa sulla traversa prima e sul palo poi, lasciando inviolata la porta spagnola. Gli uomini di Del Bosque riprendono il controllo del match, provandoci ripetutamente con Silva e Iniesta, ma non riescono a pungere. Dall’altro lato ci provano Perisic e soprattuto Badelj con una bella conclusione da fuori al 33′ che però non inquadra lo specchio della porta. Cresce la Croazia nei minuti finali e al 45′ Nicola Kalinic raccoglie il cross dalla corsia sinistra, anticipando nettamente Sergio Ramos e trafiggendo di tacco l’estremo difesore spagnolo.

Secondo Tempo

La seconda frazione di gioco comincia a mille, con entrambe le squadre intenzionate a ristabilire la propria superiorità. Al 57′ De Gea fa probabilmente l’unica cosa buona della sua serata, respingendo in uscita il tiro da dentro l’area di Tin Jedvaj. Sulla ribattuta si rende pericoloso in rovesciata Pjaca, ma il suo tentativo si spegne sul fondo. Verso la metà del gioco ci prova di testa Sergio Ramos, mettendo alto il pallone. Lo stesso difensore del Real si incarica del tiro dal dischetto al 70′ dopo il fallo in area di Vrsaljko su David Silva, ma Subasic gli nega la gioia del gol, respingendo la sua conclusione, potente ma non molto angolata. Il match prosegue con  continui rovesciamenti di fronte e, a pochi minuti dalla fine, proprio da una ripartenza croata nasce il gol del 2-1 finale di Perisic, servito intelligentemente da Kalinic, autore di un’ottima partita. Sul tiro di Perisic finito in rete, la Spagna è sfortunata per la leggera deviazione di Piquè che modifica, seppure di poco, la traiettoria del pallone ingannando De Gea, a dire il vero comunque poco reattivo.  La Spagna tenta di recuperare nei minuti finali, riversandosi  nell’area avversaria con David Silva non riesce per un soffio a ristabilire  la parità tra le due squadre, dopo una delle sue classiche serpentine.

Finita la partita, è tripudio per giocatori e tifosi croati. Agli ottavi di finale incontreranno una tra le quattro migliori terze qualificate, mentre la Spagna campione d’Europa dovrà vedersela con l’Italia di Antonio Conte, domani impegnata nell’ultimo match del girone E contro la nazionale irlandese.

Gabriele Pulvirenti

Il Tabellino

CROAZIA-SPAGNA 2-1

MARCATORI al 7′ Morata, al 45′ p.t. Kalinic, al 43′ s.t. Perisic.
CROAZIA Subasic; Srna, Corluka, Jedvaj, Vrsaljko; Rog (dal 37′ s.t. Kovacic), Badelj; Perisic (dal 49′ s.t. Kramaric), Rakitic, Pjaca (dal 47′ s.t. Cop); N. Kalinic. (Vargic, I. Kalinic, Strinic, Modric, Schildenfeld, Brozovic, Mandzukic, Coric, Vida). All. Cacic.
SPAGNA De Gea; Juanfran, Piqué, Sergio Ramos, Jordi Alba; Fabregas (dal 39′ s.t. Thiago), Busquets, Iniesta; David Silva, Morata (dal 22′ s.t. Aduriz), Nolito (dal 15′ s.t. Soriano). (Casillas, Rico, Azpilicueta, Bartra, Koke, Vazquez, Pedro, Bellerin, San Jose). All. Del Bosque.
ARBITRO Kuipers
Ammoniti: Rog, Vrsaljko, Srna, Perisic