Festa dei fiori – 10 / Record di presenze ad Acireale. L’assessore al Turismo Coniglio: “La nostra scelta è stata premiata”

Ricco il ciclo di eventi promossi dalla città di Acireale con la seconda edizione della “Festa dei fiori”, che quest’anno si è svolta durante il ponte del primo Maggio, attirando numerosi turisti.
Questa iniziativa sicuramente ha contribuito a ravvivare il centro della città, colorato e profumato da migliaia di fiori e carri infiorati. La parata ha avuto luogo lungo il circuito Piazza Duomo, corso Umberto, via Paolo Vasta, corso Savoia,  dando vita ad uno spettacolo unico e coinvolgente. E’ stata registrata, infatti, una grande partecipazione di pubblico che, in numeri, possiamo tradurre in 40mila presenze durante tutto il weekend, di cui la metà solo nella giornata del 1° Maggio.
Il fine settimana è stato ricco di attrazioni: oltre alle sfilate dei gruppi mascherati e dei carri infiorati, performances di danza, musica dal vivo con la partecipazione della Guggen Musik “Big Friends” da Malta e dei “Draufganger-guggis” dalla Germania. Altri appuntamenti molto seguiti sono stati il concerto dei “Jackson friends”, un varietà omaggio al grande re del pop Michael Jackson e il concerto dei “Modena City Ramblers” che ha chiuso in bellezza la cornice di eventi proposta dalla “Festa dei fiori”.
Ma l’ attrattiva principale è stata la caratteristica gara dei carri infiorati, tradizione prettamente acese, che differenzia questo carnevale da tutti gli altri. La competizione è stata presenziata da una giuria d’eccezione composta dall’architetto Francesco Barbagallo, dal flower designer  Michelangelo Finocchiaro, dall’ingegnere dell’automazione Raffaele Manzoni, dall’artigiano Salvatore Parlato, e dal fotografo Mario Vasta, che hanno valutato le opere secondo i criteri di soggetto, composizione floreale, esibizione, ed effetti luminosi.
«Rispetto a quelli di cartapesta, che appaiono imponenti e decisi, i carri infiorati restituiscono invece un’immagine più pittorica, quasi leggiadra, un elegante gioco ottico agli occhi del pubblico – ha affermato il presidente della Fondazione del Carnevale Antonio Belcuore – ecco perché queste opere meritano una festa a parte, completamente dedicata ad esse. Ne abbiamo avuto un assaggio lo scorso febbraio, nell’ultima edizione del Carnevale, registrando già numerosi apprezzamenti. Adesso entriamo nel vivo, coinvolgendo energie culturali che provengono da varie fonti artistiche: danzatori, musicisti, artigiani, artisti di strada, appassionati del verde, ma anche cittadini e associazioni che, a diverso titolo, contribuiranno alle iniziative».
Molte associazioni hanno dato il loro contributo alla riuscita dell’evento: il media partner RDS 100% Grandi Successi, Credito Siciliano, Decò-Gruppo Arena, Input-Comunicazione ed Eventi, McDonald’s, Ulisse Acireale, SAC – Società Aeroporto Catania; e i partner tecnici: AdvMaiora, Mandarin, Vision Sicily.
La manifestazione ha avuto esito positivo, come confermato dalle parole dell’assessore comunale al Turismo Antonio Coniglio: «La Festa dei Fiori serve a mettere a sistema quanto di buono offre Acireale: musei, opera dei pupi, chiese, barocco, attività commerciali, ecc. Tutto ciò intorno alle opere dei maestri che sono straordinarie e rappresentano l’Acireale migliore. Confermiamo la scelta politica di aver creduto nell’evento, che si iscrive in un momento dell’anno tipicamente turistico, e in quella logica per cui ad ogni mese è associata una manifestazione centrale».

Giorgia Fichera
Carla Pellicori
Ornella Pulvirenti
Isabella Trovato

(Gli autori di quest’articolo sono studenti del Liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale in alternanza scuola-lavoro a “La Voce dell’Jonio”)

Print Friendly, PDF & Email