Calcio Catania / Immeritata sconfitta interna contro il Catanzaro

Dopo la superba prestazione contro il Bari, il Catania affronta il Catanzaro tra le mura amiche. Sfida valevole per la ventiquattresima giornata del Girone C di Serie C. Le due formazioni non vincono da fine 2021: l’ultima vittoria del Catania è arrivata nel derby contro il Palermo datato 12 dicembre poi due pareggi e una sconfitta mentre per il Catanzaro medesimo percorso con gli ultimi tre punti conquistati a Campobasso giorno 11 dicembre.

Calcio Catania / Immeritata sconfitta interna contro il Catanzaro

La società giallorossa per tentare l’impresa, ha lavorato molto in questo mercato di gennaio portando a casa diversi acquisti importanti, tra questi Sounas, Bjarkason, Biasci, Maldonado ex del match e Iemmello. Il Catania invece, ha acquistato solo lo svincolato Simonetti e Lorenzini. Una partita che sarà dedicata alla memoria di Gianni Di Marzio, allenatore di entrambe le squadre in Serie A tra gli anni Settanta e Ottanta. Il tecnico napoletano verrà ricordato con un minuto di silenzio prima del fischio d’inizio e poi durante la partita dai calciatori rossazzurri che giocheranno con il lutto al braccio. Si preannuncia una sfida molto aperta tra il Catanzaro miglior difesa del raggruppamento e il Catania terzo miglior attacco ma seconda peggior difesa.

Biondi nella immeritata sconfitta contro il catanzaroLe formazioni in campo

Per mister Baldini non saranno della partita Pino, Borriello, Piccolo e lo squalificato Pinto mentre tornano dalla squalifica Claiton e Rosaia. Nel solito 4-3-3 del tecnico rossazzurro davanti a Sala spazio a Albertini, Claiton, Monteagudo e Ropolo mentre in avanti il tridente offensivo composto da Russini, Moro e Biondi. A centrocampo invece torna Rosaia assieme a Provenzano e a Greco.

Per mister Vivarini non saranno del match Cianci, Carlini, Iemmello non in grande condizioni, Porcino e Curiale con quest’ultimi due sempre più in uscita mentre torna una delle certezze della squadra, Vandeputte. Nel consueto 3-5-2 confermata la difesa composta da Fazio, Martinelli e Scognamillo. A centrocampo torna Vandeputte e viene confermato Bayeye, mentre è pronto anche il debutto assoluto con la nuova maglia dell’ex Catania Maldonado assieme a Sounas e Verna. In avanti invece la coppia d’attacco formata da Vazquez e Biasci, all’esordio da titolare in maglia giallorossa.

calcio catania Prima frazione di gioco

Durante il primo tempo non si registrano azioni particolarmente pericolose. Riesce a farsi vedere il Catanzaro dalle parti di Sala per tre volte, all’ottavo minuto con Vasquez che impensierisce il portire rossazzurro costretto a parare in due tempi, poi al venticinquesimo con Vandeputte, il tiro e fuori di poco, ed infine al 31 sempre con Vasquez che ngola troppo il tiro che finisce sul fondo. Qualche incursione da parte del Catania ma nessun tiro in grado di impensierire Branduani.

Succede tutto nel secondo tempo

Appena ha inizio il secondo tempo il catania si trova subito in svantaggio ad opera di Biasci che con un fendente trafigge Sala. Passano poco più di 10 minuti ed arriva la seconda rete per il Catanzaro, stavolta ad opera di Sounas su uno svarione difensivo di Albertini. Dopo quattro minuti si accende il Catania. Prima con Sipos, che da due passi non riesce a trafiggere Branduani. Poi, sulla ribattuta, un difensore ospite atterra Russotto in area: per l’arbitro è calcio di rigore.

Si incarica della battuta il solito Moro che, con freddezza, realizza per il Catania. Al 34′ però Sipos, tutto solo davanti a Branduani, complice uno svarione di Martinelli, non riesce a segnare la rete del pareggio per il Catania sprecando una ghiotta occasione. Peccato davvero per il Catania. Un pareggio sarebbe stato un risultato più corretto. Immeritata sconfitta interna contro il Catanzaro che in verità non ha fatto vedere molto al “Massimino”

Giovanni Rinzivillo

Print Friendly, PDF & Email